La lotta per aggiudicarsi il titolo di regina del mercato nel nostro campionato di Serie A, è stata ampiamente vinta dal Milan. Al momento infatti, i rossoneri, complice una campagna acquisti a dir poco sontuosa, hanno coperto ogni zona del campo per consegnare a Montella una rosa piuttosto competitiva. Ma gli altri club certo non stanno a guardare e il ruolo che ad oggi sembra essere necessario per diversi top club italiani è quello del terzino destro.

Detto di Conti, passato ai rossoneri e di Karsdorp alla Roma, nonchè di Marusic alla Lazio, le altre squadre temono di poter rimanere a bocca asciutta e il cerchio attorno a questo ruolo sembra stringersi sempre di più. Pochi nomi e tante pretendenti. Vediamo quindi quali sono le squadre che necessitano di un esterno destro difensivo basso e quali sono i nomi scritti sul taccuino per cercare di accaparrarsi un colpo necessario per gli automatismi tattici del tecnico.

Juventus spiazzata. Urge un terzino.

La cessione di Dani Alves e Bonucci, ha “scioccato” i tanti tifosi juventini abituati a vedere il lavoro sul mercato estivo di Marotta e Paratici già concluso prima della metà di luglio. E invece oggi, il club bianconero, si vede costretto a dover ovviare a diversi problemi di formazione. Mancanza di calciatori, anche in termini numerici, soprattutto sull’out destro. Detto di Cuadrado che sembrerebbe l’altro epurato di Allegri in vista della prossima stagione, rimarrebbe in rosa, di ruolo, solo Lichtsteiner che è stato comunque messo più volte ai margini della rosa dalla stesso tecnico nella passata stagione.

La situazione riguardante Danilo del Real Madrid sembra essere ancora lontana da un conclusione. Ballano ancora diversi dettagli economici importanti fra le due società prima di trovare l’accordo. E allora ecco che il piano B della Juventus potrebbe essere rappresentato da De Sciglio, che però preoccupa per le condizioni fisiche sempre al limite (ma che comunque arriverà). Si punterà quindi forte su Aurier del Psg. Le due società stanno parlando molto per portare a Torino un calciatore che la scorsa stagione ha totalizzato 22 presenze in Ligue 1. Costo dell’operazione 20 milioni di euro.

Sabatini punta tutto su Zouma.

Spalletti vorrebbe nella sua Inter un calciatore alla Florenzi o alla Bruno Peres: forte, grintoso e soprattutto con corsa e costanza in campo. Sul mercato, al momento, un profilo come questo non esiste. Sabatini starebbe lavorando a fari spenti per provare il colpaccio. In quella zona del campo i nerazzurri sono coperti da D’Ambrosio, Santon e Nagatomo che però non garantiscono grande solidità, soprattutto dopo quanto visto nelle ultime stagioni. A meno che Spalletti, con l’arrivo di Skriniar, non pensi di giocare con una difesa a tre. Per ora i nomi sul taccuino dell’ex Roma sono tanti, ma uno su tutti, quello di Zouma, stuzzica la fantasia della società.

Oltre al già noto nome di Vrasljko, il capitano dell’Under 21 francese resta l’obiettivo numero uno. Kurt Zouma, il centrale francese classe ’94 che già in passato è stato un obiettivo del club nerazzurro e che a Londra non è finora riuscito a rispettare le grandi aspettative che Abramovich e tutto il Chelsea nutriva nei suoi confronti, potrebbe essere il regalo che Spalletti aspetta. La società potrebbe prenderlo in prestito con, magari, eventuale diritto-obbligo di riscatto.

Fiorentina: suggestione Abate.

“Portaci, portaci, portaci il terzino! Oh Corvino portaci il terzino!”. E’ stato il coro che abbiamo sentito più volte nella curva “Fiesole” dello stadio “Franchi” di Firenze cantato dai tifosi viola. In effetti, la squadra del tecnico Pioli, in questi ultimi anni, non ha mai potuto contare su un terzino di buona qualità. Certo, è arrivato Bruno Gaspar dal Vitoria Guimaraes, ma il suo rendimento, in un campionato così complicato come quello italiano, è tutto da vedere. Corvino potrebbe davvero cercare di coprirsi investendo ancora in quel ruolo. La suggestione, tutta da verificare, potrebbe vedere la squadra di Pioli, virare su un colpo a sorpresa, che ormai sembra essere chiuso al Milan: Ignazio Abate.

L’acquisto di Conti, fortemente voluto da Montella e dalla società, ha di fatto chiuso le porta al posto da titolare dell’ex esterno del Napoli. Il suo approdo alla Fiorentina potrebbe rilanciarlo, anche se ancora non ci sono segnali di rottura fra il giocatore e la società nonostante il ruolo da riserva che gli sarà riservato nella prossima stagione. In ogni caso, il Milan dovrebbe poi trovare qualcuno che si accontenterebbe di stare alle spalle dell’ex terzino atalantino. Da non sottovalutare anche la pista che porterebbe all’ex Manchester City, oggi svincolato, Bakary Sagna.

Sarri non ha garanzie sull’out destro.

Prima del termine dell’ultimo campionato di Serie A, sembrava quasi scontato l’arrivo a Napoli di Andrea Conti dall’Atalanta. La squadra di Sarri, sembrava essersi mossa con largo anticipo rispetto alle pretendenti per provare ad accaparrarsi, prima di generare un’asta generale, il terzino oggi al Milan. Avvantaggiata anche dai buoni rapporti con il procuratore, lo stesso di Hysaj, sarebbe stato proprio questo il problema, con l’agente che non avrebbe voluto creare un dualismo fra i due in vista della prossima stagione. E così il club di De Laurentiis si è trovato a mani vuote con Giuntoli che sta provando a sondare il terreno per diversi profili.

Un nome su tutti, sul taccuino del ds, è quello di Thomas Meunier del Brugge. Il classe ’91 ha un costo non elevatissimo, intorno ai 7 milioni più bonus, di meno rispetto a Fabinho che comunque non è sparito dai radar. Ma non si perde di vista anche la possibile alternativa che in realtà è più una prima scelta: Davide Zappacosta. Nella trattativa con il Torino, non si esclude che possa essere inserito anche Duvan Zapata. Al Toro è destinato anche Tonelli: il difensore pare abbia già l'accordo con Cairo. Da monitorare anche la pista che vedrebbe il Napoli ad un passo da Widmer dell’Udinese.

I terzini destri ceduti dalle italiane.

In realtà le italiane possiamo tranquillamente dire che si siano messe nei guai con le proprie mani. La Juventus si è privata di Dani Alves per motivi che resteranno segreti ancora a lungo, il Milan sta cedendo De Sciglio (anche se ha poi preso Conti), per una sorta di insoddisfazione del calciatore. Ma non è tutto. La Roma ha sì preso Karsdorp, ma ha pur sempre ceduto Rudiger, che ha giocato spesso lo scorso anno in quella posizione, rischiando comunque qualcosina. I giallorossi sono comunque coperti da Bruno Peres e Florenzi.

Le uniche squadre italiane (di livello) che hanno l'imbarazzo della scelta in quella posizione, sono il Torino e la Lazio. La prima può contare, ad oggi, su Zappacosta e De Silvestri, ottimi per la squadra granata e per la Serie A.  La seconda invece su Dusan Basta e il nuovo acquisto Marusic. Un'impresa sarà invece per l'Inter vendere o almeno privarsi in prestito di calciatori come D'Ambrosio o Nagatomo. Resta vivo l'interesse per Darmian del Manchester United.