Lukaku al Manchester, Morata al Chelsea e Lacazette all’Arsenal, sono solo alcuni dei grandi botti di mercato fatti registrare dai top club di Premier League in questa calda estate di trasferimenti. Acquisti e cessioni però, che mai come quest’anno, sono sembrati quasi esagerati, nonostante fossero stati valutati al meglio più volte prima di far mettere nero su bianco sui vari contratti ai diretti interessati. E già, nulla a che vedere però con i francesi del Psg che hanno portato a Parigi Neymar per 222 milioni di euro dal Barcellona.

Le inglesi hanno infatti guardato bene dentro al portafoglio prima di prendere una decisione importante pur sborsando fior fiori di denari. Rispetto allo scorso anno infatti, ad oggi, il valore complessivo della rosa dei primi 6 club inglesi, si è alzato tanto. Ci si aspettavano grandi colpi a prezzi esorbitanti che puntualmente non hanno deluso i tifosi. Vediamo quindi come è cambiata questa speciale classifica in Premier, evidenziando, per squadra, gli acquisti più costosi di questa sessione di mercato in un anno, prendendo in esame l’arco temporale compreso tra il 1 luglio 2016 e il 1 agosto 2017.

Il City passa primo in questa speciale classifica.

Come evidenziato all’interno dei dati registrati da Transfermarkt, dopo un picco pazzesco, è il Manchester City versione 2017/2018 a prendersi la testa di questa speciale classifica. Il valore complessivo della rosa, ad agosto del 2016, era infatti di 541,50 milioni di euro, molto meno rispetto ai 642,00 tondi di quest’anno. A guardare bene, le operazioni di mercato della squadra di Guardiola sono state tante e il valore dei calciatori, rispetto allo scorso anno, si è alzato notevolmente.

E’ arrivato Ederson, l’ex portiere del Benfica, che ad oggi ha una valutazione di 22 milioni di euro, Mendy dal Monaco (13 milioni), Walker dal Tottenham che segna 30 milioni di euro, il terzino destro brasiliano, seguito anche dalla Juventus, Danilo, ex Real Madrid, che ha un valore di mercato di 16 milioni di euro. Ma il vero colpo che ha fatto alzare vertiginosamente l’asticella, è stato sicuramente quello di Bernardo Silva, che ha una valutazione attuale di 40 milioni rispetto ai 25 dello scorso anno. Un vero e proprio arsenale di campioni a disposizione di Pep Guardiola che, oltre ai nuovi arrivati, può contare sempre su mister 65 milioni Aguero così come De Bruyne con identico valore. Tra i valori che hanno avuto una piccola evoluzione rispetto allo scorso anno, sicuramente quello di Sanè, da 30 a 35 e Gabriel Jesus, da 25 a 30.

Conte fa felice il Chelsea.

L’acquisto di Morata, la vittoria dell’ultima Premier League e l’esplosione o la rinascita definitiva di gente come Marcos Alonso, Kante e lo stesso Diego Costa, hanno contribuito a far sì che il Chelsea di Conte finisse in seconda posizione. Lo scorso anno i “blues”, che avevano cambiato davvero ben poco rispetto alla stagione 2015/2016, avevano un valore di mercato totale, ad agosto 2016, pari a 558,8 milioni di euro. Dicevamo di Morata, valutato attualmente 40 milioni, stessa cifra che segnava quando era al Real Madrid, ha contribuito per portare il club campione d’Inghilterra a toccare quest’anno quota 605 milioni.

Oltre allo spagnolo, a far segnare questo risultato, anche l’acquisto di Rudiger dalla Roma (25 milioni, lo scorso anno 18), ma anche l’evoluzione di Alonso da 20 a 25, Kante, da 40 milioni ai 50 attuali, senza dimenticare il nuovo acquisto Bakayoko arrivato dal Monaco che dallo scorso anno, il cui valore era di 7,5 milioni di euro, è arrivato ora a toccare quota 16. Segnali importanti anche da Moses, finito per un po’ nel dimenticatoio (12 milioni), prima della valorizzazione di Conte che lo ha portato fino a quota 18. Da segnalare, nonostante sia fuori dal progetto, i 50 milioni di valore di mercato attuali di Diego Costa.

Attenzione: l’Arsenal sta tornando.

La vittoria nel Community Shield contro il Chelsea di Conte, ha raddrizzato, se vogliamo, la scorsa brutta annata chiusa dai Gunners con Wenger praticamente quasi esonerato prima dell’ultima chance concessa dalla società al tecnico francese. Oggi, l’Arsenal ha voglia di tornare grande e lo sta facendo ai piccoli passi. I 493,4 milioni di euro di valore complessivo totale della rosa dello scorso anno, si sono trasformati in 575. Tutto questo frutto sicuramente dell’acquisto di Lacazette, oggi valutato 40 milioni di euro, ma anche della crescita netta dei tanti calciatori presenti in rosa anche lo scorso anno.

Su tutti Bellerin, passato dai 25 ai 30 milioni, frutto anche di un ottimo Europeo Under 21, ma anche del neo acquisto Kolasinac (oggi 15 milioni di euro di valore di mercato rispetto ai 9 dello scorso anno). Ottimo risultato che oggi Wenger punta a migliorare anche grazie all’immenso Sanchez che, nonostante pare si trovi sempre sul piede di partenza, è l’uomo in più di questa squadra insieme ad Ozil. Ad oggi i due, rispettivamente, contano 50 e 65 milioni di euro di valutazione complessiva.

Lukaku tiene a galla lo United.

Piccolo rialzo anche per il Manchester United di Mourinho che lo scorso anno ha portato a casa l’Europa League nonostante ci si aspettasse molto di più in campionato rispetto alle aspettative altissime che aveva creato la società con gli acquisti megagalattici di Pogba, Ibrahimovic e non solo. I “Red Devils” si sono portati, dai 469,3 milioni di euro dello scorso anno, ai 558,9 attuali. Ogni stagione il club piazza colpi importanti e quest’anno l’ha fatto recapitare ad “Old Trafford”, direttamente da Liverpool, sponda Everton, da dove è arrivato Romelu Lukaku, in gol anche nella Supercoppa Europea persa 2-1 contro il Real Madrid.

Il belga ha una valutazione di mercato complessiva pari a 50 milioni di euro. Un numero che ha leggermente coperto il piccolo calo di Pogba, da 80 milioni a 75. Promette bene anche in tema di mercato Rashford, passato dai 10 milioni dello scorso anno agli attuali 18 con cui inizierà questa nuova stagione. Da non sottovalutare Matic attualmente fermo a quota 35 milioni ma con una valutazione di mercato pronta  a salire.

Tottenham e Liverpool a piccoli passi.

Chiudono questa speciale classifica, rispettivamente al quinto e sesto posto, Tottenham e Liverpool. I ragazzi di Pochettino, oggi, sono valutati complessivamente 463 milioni di euro, rispetto ai 383 che hanno fatto segnare ad agosto 2016. Un picco importante che si spiega con la buona stagione portata avanti lo scorso anno e alla crescita impressionante di diversi giovani calciatori. Fra questi Alli, oggi stella degli “Spurs”, che segna 45 milioni di euro, ma anche i vari Eriksen e lo stesso Kane, passato da 50 a 60 milioni di euro.

Piccoli passi invece per il Liverpool di Klopp che però attende notizie circa la possibile cessione di Coutinho (45) al Barcellona. I “Reds” sono fermi ad oggi a 457,5 milioni di euro rispetto ai 432,4 dello scorso anno. Ci si aspettava sicuramente di più da loro in Europa League. Ma la società può sicuramente essere ben contenta di aver assistito alla crescita del valore di mercato di diversi calciatori come Manè (da 38 a 40 milioni), e lo stesso Firmino.