Era prevista una fumata bianca entro il weekend ma probabilmente si dovrà attendere ancora 24-48 ore per vedere la punta del Sassuolo trasferirsi da Di Francesco e vestire i colori della Roma. La trattativa è entrata in stallo perché la società di Squinzi non si sbilancia sul sì definitivo. i capitolini hanno fatto il loro, offrendo fino a 24 milioni complessivi, una cifra molto alta per un giocatore bravo ma pur sempre lontano dall'essere un campione unico. Lo stesso Defrel ha espresso la volontà di andare in Capitale e lasciare il Sassuolo. Adesso tocca agli emiliani.

Alternativa di Dzeko – Di Francesco ha capito che con il solo Dzeko in avanti è impossibile pretendere di essere sempre competitivi su tutti i fronti in cui la Roma sarà impegnata. In attacco serve un ricambio importante con i vari El Shaarawy, Nainggolan e Perrotti che si possono alternare quali soluzioni differenti al bosniaco con scelte tattiche ben delineate. Un altro attaccante di ruolo serve come il pane ed è meglio che non compia  lo stesso tragitto di Dzeko che ha impiegato un'intera stagione a capire come adattarsi alla Serie A.

La Roma alza a 24 – L'idea Defrel era nata già a gennaio, si è concretizzata a giugno – con l'ufficializzazione di Di Francesco – e si dovrebbe concludere entro luglio. Perché la Roma vuole il prima possibile una rosa definita che possa prepararsi adeguatamente alla prossima stagione. Dopo una trattativa estenuante, che dura ormai da settimane, le parti nelle ultime ore si sono avvicinate ancora di più. Grazie al passo avanti della Roma che ha ulteriormente alzato l'offerta, con un affare che adesso dovrebbe chiudersi attorno ai 24 milioni di euro.

La pretesa del Sassuolo – L'idea è che Defrel arriverà in prestito con obbligo di riscatto a fine stagione, con una dilazione nel pagamento. Si sta cercando di limare l'ultimo ostacolo per definire proprio le cifre d'acconto e di saldo. Di certo è che il Sassuolo vuole tanti milioni subito.