Mentre la Serie A riposa la Serie B è scesa in campo per la seconda giornata di campionato. Perugia, Frosinone, Parma e Carpi sono le uniche a punteggio pieno al termine del secondo turno di Serie B. Dopo lo 0-0 tra Brescia e Palermo nell'anticipo di ieri, la giornata è stata piena di gol e di emozioni. Al Castellani di Empoli è finita 3-2 in favore dei padroni di casa, che hanno avuto la meglio sul Bari di Fabio Grosso grazie al duo offensivo Caputo-Donnarumma. In serata è arrivato anche il pirotecnico 4-2 con cui il Perugia ha sconfitto il Pescara di Zeman. 9 gol e 6 punti in classifica dopo 180′ per gli umbri che si confermano protagonisti in questo avvio stagionale. I perugini sono stati affiancati in testa alla classifica da Frosinone (2-1 al Cittadella), Parma (1-0 a Novara) e Carpi (1-0 a La Spezia). Da registrare anche il primo successo per la neopromossa Cremonese (3-1 sull'Avellino), mentre c'è il secondo 0-0 consecutivo per Pippo Inzaghi e il suo Venezia che non riesce a carburare.

Empoli-Bari show.

Show e gol al Castellani sin dalle prime battute: Ciccio Caputo, l'ex di turno, fin da subito si è rivelato determinante segnando al 9′ e all'11' contro il Bari che è riuscito malgrado tutto a risollevare la testa. La squadra di Grosso ha recuperato al 42′ con l'altro ex del match, Tello. Emozioni solo a metà perchè a inizio ripresa, al 9′, è arrivata la migliore azione dei padroni di casa con Donnarumma a finalizzare. Al 22′ con D'Elia, i pugliesi hanno provato a rientrare per l'ultima volta in partita.

Pippo Inzaghi a bocca asciutta.

Non riesce a segnare il Venezia di Pippo Inzaghi. Dopo 180 minuti di gioco per i lagunari il tabellino marcatori è ancora fermo sullo 0. A Cesena i neroverdi non sono riusciti a sfondare: poche emozioni in un primo tempo senza tiri nello specchio e una ripresa solamente a tratti migliore. L'occasione migliore capita sulla testa di Zigoni, che anticipa Perticone ma mette fuori di un soffio a fine primo tempo.

Bentornata Zemanlandia.

Cede invece il Pescara di Zeman a Perugia dove però il Boemo mette in campo la solita squadra spregiudicata che gioca e diverte. Era andata benissimo al debutto (con il 5-1 al Foggia), un po' peggio in questi secondi 90 minuti (4-2 a favore del Perugia).  Dopo due giornate il Pescara di Zdenek Zeman ha vinto una partita e ne ha persa un'altra, ma soprattutto ha segnato 7 reti subendone 5.