In area di rigore Gonzalo Higuain è una sentenza. Il centravanti argentino anche in Cagliari-Juventus si è rivelato implacabile. Una doppietta da bomber di razza per il Pipita che con un gol per tempo, in 10’, ha steso il Cagliari raggiungendo quota 18 reti in campionato (21 le marcature complessive stagionali) ed eguagliando in vetta alla classifica dei bomber Edin Dzeko. A conferma del suo feeling con i bianconeri c’è anche un dato relativo alle ultime prestazioni, con Higuain che è andato sempre a segno nelle ultime 5 trasferte confermandosi il migliore centravanti del 2017.

Nessuno infatti ha segnato come lui nel nuovo anno solare, considerando i top 5 campionati del Vecchio continente: 8 le reti realizzata dalla punta della Juve, contro le 7 di un altro ex Napoli, Edinson Cavani con la maglia del Paris Saint Germain. I 90 milioni spesi dalla Vecchia Signora per strapparlo agli azzurri nella scorsa estate dunque sembrano essere stati ben riposti, per un calciatore che si è ambientato alla perfezione a Torino non smarrendo il suo fiuto per il gol.

Nel post partita del match di Cagliari, il Pipita ha detto la sua sul momento dei bianconeri, più importante rispetto al rendimento individuale: "E’ un periodo in cui stiamo bene, ma è stata una partita difficile, perché all’inizio le cose non sono andate come volevamo – ha dichiarato ai microfoni di Mediaset Premium – Quando abbiamo sbloccato il risultato, le cose sono andate per il meglio, e con l’espulsione poi ancor di più. Felice per la mia doppietta? Sì, ma era più importante vincere a Cagliari". La speranza di tutto l’ambiente bianconero è che Higuain si riveli l’arma in più della squadra di Allegri anche in Champions a 10 giorni dal match con il Porto. L’argentino focalizza l’attenzione sul prossimo impegno contro il Palermo: "Ora ci riposiamo e pensiamo a venerdì e alla gara contro il Palermo. Porto? Prima pensiamo a venerdì".