Lo scandalo si allarga a macchia d'olio. E chi pensava che il ‘vizietto' di taroccare gare e prestazioni degli atleti fosse endemico per i furbetti di mezza Europa (come dimostrato dal recente rapporto dell'Europol) s'è dovuto ricredere. Già, lo stupore e l'indignazione arrivano fino in capo al mondo. Nella Terra dei canguri, a voler essere precisi. "Lo sport australiano è pieno di ormoni e altre sostanze vietate, e squadre intere farebbero uso di doping". E' questo il bilancio di anni d'indagini condotte dalla Australian Crime Commission, che ha svelato anche i delicati intrecci con la criminalità organizzata: a destare scalpore non è solo l'utilizzo di sostanze illecite ma anche un ingegnoso sistema di partite combinate nell'ambito del Calcioscommesse. Top secret, almeno per il momento, i nomi delle squadre e dei tesserati coinvolti nello scandalo, perché l'inchiesta è tuttora in corso.