Di gol in carriera Wayne Rooney ne ha segnati più trecentoventi, considerando solo le partite ufficiale giocate con Everton, Manchester United e nazionale inglese e dunque non deve stupire se nel giorno del suo ritorno in campo con la maglia blu dei ‘Toffees’ Rooney si sia ripresentato con un grandissimo gol, ma considerato tutto quello che era stato detto sul suo conto nell’ultimo anno, la cosa più carina: “è un giocatore finito”. E anche recentemente qualche parola poco carina il trentunenne attaccante l’ha ricevuta perché c’è chi ha ripreso il solito refrain della ‘minestra riscaldata’ che nel calcio spesso si rivela una scelta sbagliata. Per provare a smentire tutti e per dare un messaggio anche al c.t. Southgate Rooney ha realizzato un gol da favola nella sua prima amichevole pre-campionato.

Il ritorno dopo 13 anni con la maglia dell’Everton non sarebbe passato inosservato in ogni modo, ma la prodezza con cui ha trafitto il portiere del Gor Maya fa capire che Rooney ha ancora più di un colpo in canna. Nell’amichevole disputata in Tanzania contro la squadra keniota l’ex numero 10 dello United ha ricevuto un pallone a circa trenta metri dalla porta e da quella posizione con un tiro potentissimo ha messo il pallone sotto la traversa. Esordio, anzi ritorno migliore senza dubbio non poteva esserci. L’incontro è terminato 2-1 per gli inglesi, decisivo il gol nel finale di Dowell.

L’Everton ha riportato a casa Rooney ed ha così piazzato l’ennesimo colpo di un mercato superbo. Ronald Koeman dopo aver riportato in Europa il club di Liverpool punta alla zona Champions. Per oltre trenta milioni è arrivato subito il giovane portiere dell’Under 21 Jordan Pickford, preso dal Sunderland, poi sono stati prelevati, il centrocampista dell’Ajax Klaassen, il difensore del Burnley Keane, Sandro e Onyeruku.