La Roma guarda al calciomercato con interesse ma senza compiere mosse improvvise. I giallorossi sono sempre stati accorti in questa sessione di compravendite con il nuovo ds Monchi capace di gestire la situazione sia in entrata che in uscita soddisfacendo le esigenze di mister Di Francesco, il tecnico scelto per il dopo Spalletti. Adesso però potrebbero esserci nomi pesanti sia in entrata che in uscita, tra rumors e conferme. Lo stesso direttore tecnico ex Siviglia fa il pompiere della situazione evitando clamorosi giri di notizie che non trovano fondamenta.

Strootman non si tocca.

I giallorossi continueranno a monitorare il mercato ma senza colpi a sorpresa. Monchi, d.s. della Roma, ha chiarito gli obiettivi del club che ha trovato alcuni acquisti importanti come Kolarov o Defrel e ceduto altri giocatori considerati utili alla causa come Salah ma senza alcun colpo di testa. Una sana gestione, che non prevede altre clamorose partenze come quella dell'olandese Kevin Strootman nei giorni passati accostato alla Juventus: "Non abbiamo alcun interesse nel parlare con la Juventus o altre squadre per Kevin Strootman. Non avendo questo interesse non ci saranno ulteriori aggiornamenti" ha sottolineato Monchi.

30 milioni per Mahrez, ora tocca al Leicester.

Sul fronte entrate c'è sempre l'interesse per il giocatore delle Foxes, Mahrez, che la Roma sta cercando da settimane ma che non sembra poter lasciare la Premier per le resistenze del Leicester: "Abbiamo fatto un’offerta che è la più importante della nostra storia, con un’offerta maggiore di 30 milioni fissi e altri di bonus. Non faremo altri rilanci adesso: aspettiamo che il Leicester accetti.  Non possiamo avere 40 giocatori, faremo il punto con l'allenatore e valuteremo se intervenire".

Il mercato folle degli acquisti milionari.

Tra tanti colpi milionari, la Roma si è distinta per aver gestito al meglio il patrimonio a disposizione. Una tentazione importante quella di spendere ma che fino ad oggi non ha visto la Roma tra le dirette interessate: "Siamo entrati in una dinamica che non sappiamo dove finirà ha sottolineato un preoccupato Monchi – Non so se il calcio può affrontare questa inflazione con prezzi sempre più alti"