Asciugate le lacrime di commozione e archiviata la serata del suo triste addio, Francesco Totti ha fatto il suo debutto a Trigoria nella sua nuova e insolita veste di dirigente giallorosso. L'ex capitano della Roma, ha infatti seguito l'allenamento della squadra di Di Francesco a bordo campo e in abiti borghesi, prima di intrattenersi con i direttori Monchi e Baldissoni. La sua permanenza nel centro sportivo romanista è durata mezza giornata, ma tanto è bastato per prendere confidenza con il suo nuovo ruolo e parlare con il tecnico. Un primo giorno di "scuola" emozionante, dopo la lunga vacanza estiva passata tra la Grecia, Sabaudia, Londra, Saint Tropez, Ibiza e Ponza, e certamente difficile vista la presenza degli ex compagni che si allenavano sotto ai suoi occhi.

A Bergamo con la squadra.

"È un po' strano averlo a fianco e non vederlo vestito da calciatore, ma allo stesso tempo è bello perché dà la consapevolezza che a breve potrò lavorare al suo fianco. Presto sarà con noi definitivamente", ha spiegato il direttore sportivo giallorosso Monchi, al termine della conferenza stampa per la presentazione di Defrel. Il nuovo attaccante della Roma, arrivato dal Sassuolo nel corso di questo calciomercato, sarà tra i convocati della trasferta a Siviglia per il "Trofeo Antonio Puerta". Il dirigente Totti, invece, rimarrà a casa. Molto più probabile, invece, la sua presenza nella prima trasferta di campionato a Bergamo contro l'Atalanta. "Francesco ha voluto sapere come stesse il gruppo, vedere i nuovi calciatori e gli allenamenti e ha chiesto del mercato – ha concluso Monchi – L'ho visto molto calato nel suo nuovo ruolo. Anche se non scenderà più in campo, secondo me è un acquisto magnifico per la squadra".