In attesa della super sfida di Pasqua tra il Manchester United e il Chelsea, il Tottenham prova a mettere pressione alla squadra di Antonio Conte. La meravigliosa banda di Pochettino ottiene la settima vittoria consecutiva in campionato, evento che non accadeva dal 1967, e si porta a sole quattro lunghezze dai Blues. Vittoria pesantissima anche per il Watford di Mazzarri, che con l’1-0 allo Swansea sale a quota 40 punti e di fatto conquista la salvezza.

Poker Spurs – Sette giorni fa Pochettino ha vinto 4-0 con il Watford, oggi si è ripetuto con il 4-0 al Bournemouth. Subito avanti gli Spurs con i gol di Dembelé al 16’ e del coreano Son, che sta disputando la miglior stagione della carriera, al 19’. Nella ripresa torna a segnare dopo l’infortunio Harry Kane. In pieno recupero c’è gloria anche per l’olandese Janssen. Pochettino di fatto blinda almeno il secondo posto, e può sperare nella clamorosa rimonta sul Chelsea.

City bello e letale – Pep Guardiola vince 3-0 in casa del Southampton e blinda il terzo posto. Il Manchester City brilla soprattutto dopo il gol del vantaggio segnato dal redivivo Kompany. Sané in contropiede raddoppia, bello l’assist di De Bruyne, poi il ‘Kun’ Aguero aggiorna il suo personalissimo e meraviglioso record da goleador del Manchester.

Watford salvo – Bravo Walter Mazzarri che con largo anticipo porta i ‘Calabroni’ in salvo. L’1-0 allo Swansea, gol del francese Capoue, non dà la matematica alla squadra della famiglia Pozzo, ma con 40 punti pare davvero difficile pensare che il Watford possa essere superato dallo stesso Swansea, dal ‘Boro o dall’Hull City, battuto per 3-1 dallo Stoke (a segno Shaqiri, Arnautovic e Crouch).

Gioia Borini – Non serve al Sunderland il 2-2 con il West Ham, ma almeno il gol del definitivo pari dà un po’ di fiducia a Borini, che è riuscito a segnare dopo parecchie settimane. Con lo stesso punteggio pareggia anche il Leicester, raggiunto dal Crystal Palace, che con una grande rimonta ha conquistato la salvezza. A Shakespeare non sono bastati i gol di Huth e Vardy. Vince 3-1 con il Burnley, l’Everton che anche con il solito centro di Lukaku sale al quinto posto.