in foto: Lutto al braccio e minuto di raccoglimento del Portogallo

Il Portogallo e Cristiano Ronaldo in campo contro il Messico per la Confederations Cup. Non sarà una gara come le altre, almeno per quanto riguarda la nazionale lusitana che in Russia – in occasione della prima gara del proprio girone, ore 18, mentre alle 21 tocca a Camerun e Cile – va con la morte nel cuore e il profondo cordoglio per quanto accaduto in patria. La Fifa ha accolto la richiesta inoltrata dalla federazione portoghese e ha dato il proprio assenso al minuto di raccoglimento per commemorare le vittime causate dal violento e terribile incendio divampato nei boschi di Pedrogao Grande.

La cronaca dei fatti è straziante: alle notizie delle persone morte – alcune intrappolate dentro l'auto nel tentativo di fuggire alla furia delle fiamme oppure intossicate – si aggiungono anche le immagini raccapriccianti che arrivano dalla Penisola Iberica. E' salito a 62 il numero delle persone decedute, una sessantina quelle ferite (tra cui alcune in gravi condizioni): un bilancio tragico che ha scosso il Paese e spinto il governo di Lisbona a dichiarare 3 giorni di lutto nazionale.

Impossibile restare insensibili di fronte a notizie del genere, sicché l'aspetto sportivo passa in secondo piano precedenza la Nazionale capitanata da Cristiano Ronaldo aveva emesso un comunicato ufficiale. "In questa giornata inizia la Confederations Cup ma e' anche un giorno di grande costernazione e dolore per il Paese che orgogliosamente rappresentiamo. La tragedia che e' avvenuta a Pedrogao Grande, che ha causata la morte di tanti nostri connazionali, non ci puo' lasciare indifferenti. Inviamo le piu' sentite condoglianze alle famiglie, agli amici e alle persone care delle vittime degli incendi", si legge sul sito della Federcalcio portoghese, nella nota firmata dalla Nazionale maggiore.