La sua testa è un computer e nei piedi ha uno strumento di grande precisione: sarà per questo che Spalletti, dopo averlo a lungo inseguito ai tempi della Roma, ha posto Borja Valero tra le priorità delle sua nuova avventura all'Inter. Una condizione subito rispettata, visto l'ormai imminente approdo in nerazzurro dello spagnolo.

Impatto super sulla serie A.

A 32 anni, Borja Valero è un giocatore ormai completo, maturo e pronto a prendere per mano una realtà in cerca di rilancio come l'Inter. In Spagna è forse nato nella generazione sbagliata: quella dei Xavi, degli Iniesta, dei Fabregas e degli Xabi Alonso, che gli hanno un po' sbarrato la strada sia nelle big del calcio iberico, sia in Nazionale. Ma le soddisfazioni non sono ugualmente mancate. Cresciuto nelle giovanili del Real Madrid, si è messo in mostra per la prima volta a Maiorca nel 2007-2008 (34 presenze e 4 gol), poi dopo una breve parentesi in Premier League (30 gare con il WBA), ha fatto ritorno in Liga per riprendere il discorso interrotto con il Maiorca e poi abbracciare il Villareal, dove trascorre due campionati (97 presenze complessive e 11 reti) spingendo la Fiorentina a investire su di lui. Con Firenze il feeling è subito immediato, Borja vive bene in città e arriva a tatuarsi le sue coordinate sul braccio. Nel primo torneo salta solo una partita, nei successivi è sempre al top del rendimento, prima delle scorie accumulate negli ultimi anni con l'ambiente societario, che lo hanno spinto alla rottura delle ultime settimane.

Polivalente di centrocampo e assistman.

La qualità che gli allenatori apprezzano maggiormente è la sua capacità di giostrare indifferentemente da mezz'ala di destra, di sinistra, da interno, o da trequartista. Dove lo metti sta, si potrebbe dire, ma anche questa è un'informazione non del tutto corretta, perché Borja è un moto continuo, capace di inserirsi e ripiegare, impostare l'azione e provare a rifinirla. Nelle cinque stagioni alla Fiorentina ha collezionato complessivamente 212 presenze, con 17 gol e 44 assist; in serie A le cifre sono rispettivamente di 166, 14 e 40. In soldoni, dal suo arrivo in Italia, non c'è stata classifica degli assistman che non lo abbia visto protagonista. Negli ultimi due tornei sono stati sei per parte, con una fantamedia tra il 6.5 e il 7.

In foto: la scheda di Borja Valero (fonte transfermarkt.it)in foto: In foto: la scheda di Borja Valero (fonte transfermarkt.it)

Cosa fare al fantacalcio.

Uno come Borja Valero non può che trasformare le squadre in cui approda. O almeno contribuire a farlo. Spalletti ci crede molto e con il suo apporto lo spagnolo può completare il suo percorso da giocatore totale. Al fantacalcio è un acquisto da fare senza remore.