Javier Pastore sta per tornare in campo. L’incubo sembra essere finito per un calciatore che nelle ultime stagioni è sembrato nel mirino della sfortuna. Una serie di infortuni gli ha impedito di giocare con continuità in questa prima parte di annata sportiva in cui ha collezionato solo 7 presenze. Emery potrebbe ritrovarlo proprio per la delicata gara contro il Monaco, capolista della Ligue 1. In attesa di rivedere la proverbiale luce fuori dal tunnel, l’argentino ex Palermo ha deciso però di scendere in campo per un’altra sfida di tutt’altra natura e che non può che meritare solo consensi e applausi. Il trequartista del Paris Saint Germain si è impegnato per dare una mano concreta alle popolazioni del Centro Italia. Un Paese che gli è rimasto nel cuore, non solo per l’esperienza al Palermo e le voci di mercato relative ad un ritorno in Serie A, ma anche perché è la patria della madre di sua figlia, Chiara Picone.

Pastore sarà il protagonista di una cena di beneficenza che permetterà di raccogliere fondi per le popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto. Per partecipare all’incontro, organizzato dalla Croce Rossa italiana attraverso il portale "CharityStars" bisognerà infatti partecipare ad una vera e propria asta. A focalizzare l’attenzione sull’iniziativa ci ha pensato la Croce Rossa francese su Twitter attraverso un cinguettio in cui si approfitta anche per augurare a Pastore il repentino ritorno in campo. Per ora sono state effettuate solo 3 offerte, e quella più alta è di circa 3000 euro. Questa la nota che spiega l’iniziativa sull’apposito portale: “In questa fantastica asta, si può vincere la possibilità di incontrare il calciatore Javier Pastore per una bellissima cena. Una possibilità da non perdere quella di vincere la cena con la stella del Paris Saint Germain ed ex calciatore della Serie A. Il tutto si terrà in una location esclusiva di Parigi che sarà svelata poco prima della cena. A seguito del tragico terremoto che ha colpito l'Italia centrale il 18 gennaio Javier Pastore ha detto sì a questa esperienza per sostenere la Croce Rossa Italiana”.