Mercoledì prossimo al Camp Nou il Barcellona cerca un’altra remuntada. La squadra di Luis Enrique la scorsa settimana ha perso per 3-0 in casa della Juventus nella gara d’andata dei quarti di finale di Champions League e sogna di ripetere l’impresa compiuta negli ottavi di finale con il Paris Saint Germain – sconfitto per 6-1 in casa dopo un pesante 4-0 subito al Parco dei Principi. Già quell’impresa è stata al di fuori della norma, perché mai una squadra era riuscita a compiere un’impresa di tale portata da quando esistono le coppe europee, e sarebbe ancor più clamorosa una seconda remuntada consecutiva per il Barcellona. Nell’ambiente blaugrana c’è molta fiducia. Al coro si è unito anche Neymar.

Il brasiliano, che non sta attraversando un bel momento – all’andata è stato neutralizzato dalla difesa bianconera e in campionato una decina di giorni fa è stato espulso contro il Malaga ed ha ricevuto tre giornate di squalifiche, la sanzione gli costa anche il ‘Clasico’ di ritorno – è convinto che il Barcellona ha le capacità per poter compiere un’altra impresa

Dobbiamo credere che possiamo farcela. L’altro giorno mio padre ha detto una cosa che mi è rimasta nella testa, perché penso sia vera. Possiamo avere una squadra diversa davanti, ma il Barcellona è lo stesso. E quello che abbiamo fatto una volta lo possiamo fare una seconda volta.

Nell’intervista rilasciata a Canal Esporte Interativo, nel corso di un magazine, con Neymar c’era anche il grandissimo Zico, O’Ney ha spiegato quale sarà il piano di battaglia del Barcellona, che dovrà volare e dovrà sin dall’inizio mettere in difficoltà la squadra di Allegri

Dobbiamo dare tutto, fare il massimo. Se tutto va bene, un’altra rimonta si verificherà. Io credo nella squadra e nel nostro potenziale. Non abbiamo nulla da perdere e tutto da guadagnare. La Juve è una grande squadra, dobbiamo correre il doppio di loro. Contro il PSG avevamo l’1% di possibilità di passare il turno, ora dobbiamo avere fede e, se Dio vuole, gli obiettivi si riescono a conquistare.