Sarà un calciomercato "conservativo" quello del Napoli, in questa calda estate di trattative. L'obiettivo primario più volte evidenziato dalla dirigenza azzurra è stato e sarà quello di blindare i perni della rosa di Maurizio Sarri, inserendo solamente alcuni innesti congeniali alla causa. E' questo il piano per permettere ad una squadra già formidabile dal punto di vista del gioco di crescere ulteriormente, con uno step che le permetta di contrastare la Juventus nella lotta per lo scudetto. Tutto lascia presagire un cambio di strategia, rispetto a quanto accaduto nelle ultime annate, e soprattutto nella scorsa quando la cessione shock di Higuain, permise poi agli azzurri di sfruttare anche nelle operazioni in entrata un importante budget di mercato.

Monte ingaggi da quasi 100 milioni di euro.

Tesoretto che, come evidenziato da Tuttonapoli.net, al momento è fermo a 20 milioni, destinato però ad aumentare dalla cessioni di chi non è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante come Pavoletti, Tonelli, Duvan Zapata e non solo. Le principali risorse economiche della società dunque non saranno utilizzate per eventuali innesti, ma per mantenere una rosa, anche grazie ai tanti rinnovi contrattuali che permetteranno a Sarri di non perdere alcune delle sue pedine più preziose. Il tutto facendo lievitare il monte ingaggi fino a quasi 100 milioni di euro.

I rinnovi di contratto del Napoli.

I casi più eclatanti sono stati quelli di Mertens e Insigne che con capitan Hamsik, guadagneranno più di 4 milioni di euro a conferma della volontà azzurra di non cedere alle numerose proposte di mercato per i propri gioielli. Ma nel corso dei mesi passati, sono stati blindati, anche Koulibaly, Hysaj, e Albiol, con quest'ultimo che con Callejon e Milik può contare su uno stipendio superiore ai 2 milioni di euro. Un tetto ingaggi dunque passato dai circa 80-85 milioni della scorsa stagione, ai 95 che potrebbero diventare quasi 100 in caso di fumata bianca per Ghoulam. E' dunque questa la fotografia della strategia del Napoli, che punta sul gruppo già esistente, senza grossi investimenti sul mercato alla luce di fatturato, che escludendo ricavi Champions e altri bonus, è di 130-140 milioni di euro.