Lo United riapre la Premier. La squadra di José Mourinho nella super sfida pasquale valida per la 33a giornata supera 2-0 la capolista Chelsea. Una rivincita per l’allenatore portoghese dopo le due sconfitte rimediate all’andata e in FA Cup contro Antonio Conte. Un Conte che ora deve seriamente preoccuparsi: la seconda della classe Tottenham reduce dal poker al Bournemouth ora è distante solo 4 lunghezze. Tutto lascia presagire un finale di stagione incandescente in Premier, con lo United che nel frattempo blinda il 5° posto, a 4 punti dai cugini del City e con una partita in meno.

Mourinho senza Ibra, Conte perde anche Alonso.

José Mourinho sorprende tutti lasciando Zlatan Ibrahimovic in panchina. Una scelta presa di comune accordo con la punta che già contro l’Anderlecht aveva accusato un’eccessiva stanchezza. A fare le sue veci ci pensa Rashford con ai suoi fianchi Lingard e Young. Brutte notizie per Conte che oltre all’infortunato Courtois perde nel riscaldamento anche l’ex viola Alonso per problemi legati ad un presunto virus intestinale. Spazio in campo a Zouma.

Rashford gol, Chelsea nervoso.

Partita spigolosa e frammentata quella dell’Old Trafford con i padroni di casa più in palla rispetto agli avversari stranamente poco incisivi. Rashford, il migliore in campo, è una minaccia costante per la difesa avversaria e non è un caso che sia proprio lui a firmare il vantaggio in un’azione viziata però da un fallo di mano di Herrera. Dopo soli 8’ i padroni di casa dunque sono in vantaggio contro un Chelsea nervoso e con alcuni giocatori chiave in giornata no. Primo tra questi Diego Costa più impegnato a “litigare” con avversari e arbitro che a creare reali grattacapi alla difesa avversaria.

Herrera raddoppia e chiude i conti.

Il copione non cambia in avvio di ripresa. Lo United dimostra di volere con maggiore decisione il risultato. Ecco allora che proprio da una caparbia azione dei giocatori di Mourinho arriva il raddoppio firmato da Herrera. Una conclusione quella del mediano sporcata da una deviazione di Zouma. I cambi di Conte, con l'ingresso di Fabregas e Willian, regalano nuova linfa ad un Chelsea che però non riesce a creare limpide palle gol. I padroni di casa al contrario, trascinati da un Rashford a tratti imprendibile, si rendono ancora pericolosi. Negli ultimi 10 minuti Mourinho concede spazio anche a Zlatan Ibrahimovic. Il match però non regala più emozioni, e scivola verso il fischio finale e la stretta di mano tra l'allenatore portoghese e Conte visibilmente contrariato.

Successo prezioso per il Liverpool.

Prosegue il momento magico del Liverpool che nel primo posticipo, quello pomeridiano, supera in trasferta il WBA. Successo prezioso per gli uomini di Klopp che s'impongono per 1-0 grazie ad un colpo di testa di Firmino nel finale del primo tempo. Un risultato che permette ai Reds di salire a quota 66 e scavalcare provvisoriamente il City che però dovrà recuperare una gara.