PORTOGALLO – COREA DEL NORD 7-0

RETI: 29′ pt Meireles, 8′ st Simao, 11′ st Almeida, 15′ st e 44′ st Tiago, 36′ st Liedson, 42′ st Ronaldo.

PORTOGALLO (4-3-3): Eduardo; Miguel, Alves, Carvalho, Coentrao; Tiago, Mendes, Meireles (25′ st Veloso); Simao (29′ st Duda), Almeida (33′ st Liedson), Ronaldo. A disposizione: Beto, Fernandes, Rolando, Ferreira, Ricardo Costa, Pepe, Amorim, Danny. All. Queiroz.

COREA DEL NORD (4-3-2-1): Ry Myong; Cha Yong (30′ st Nam Song), Pak Chol, Pak Nam (14′ st Kim Kum), Ri Kwang; Mun In (14′ st Kim Yong), Ri Yun, Yi Jun; Hong Yong, An Yong; Jong Tae. A disposizione: Kim Myong Gil, Kim Myong, Ri Kwang, Ri Chol, Pak Sung, An Chol, Choe Kum. All. Kim Yong.

ARBITRO: Pozo (Cile)

NOTE: ammoniti Mendes, Almeida, Pak Chol e Hong Yong.

CITTÁ DEL CAPO. Troppo Portogallo per una Corea del Nord che dopo aver ottenuto un buon risultato contro i brasiliani crolla miseramente. Sette schiaffi lusitani agli asiatici, con Cristiano Ronaldo e compagni che in pratica sono assieme al Brasile le due squadre qualificate del girone G. Queiroz può davvero essere soddisfatto dopo la prova non eccelsa contro la Costa d'Avorio.

Nella prima frazione di gioco la partita appare equilibrata e lascia pensare che anche i portoghesi dovranno sudarsi i tre punti contro una Corea del Nord coriacea, anche se con evidentissimi limiti tecnici. Per sbloccare la situazione ci vuole una gran giocata di Meireles che riceve palla in area e spara sul primo palo battendo Ry Myong.

Una volta in vantaggio tutto diventa facile ma soltanto nella ripresa il punteggio assumerà contorni d'altri tempi. Consci di dover segnare quante più reti possibile per non dover rinviare l'appuntamento con la qualificazione i portoghesi premono decisi sull'acceleratore. Dopo otto minuti Meireles stavolta fa l'uomo-assist e pesca Simao che con un tunnel al portiere insacca il raddoppio.

Gli asiatici crollano e nel giro di appena sette minuti incassano due gol: prima Hugo Almeida finalizza al meglio un contropiede infilando di testa un cross di Coentrao, poi è l'ex-juventino Tiago a trovare l'angolo giusto per firmare il poker dopo un passaggio di Cristiano Ronaldo.

La gara è già in archivio ma per gli asiatici il punteggio già di per sè pesante diventa veramente umiliante. Liedson trova gloria personale con un bel sinistro da posizione invitante al 36′, mentre poco dopo arriva finalmente la prima rete di Ronaldo, con l'asso del Real Madrid che dopo uno strano palleggio riesce a metter dentro a porta sguarnita.

In chiusura c'è ancora tempo per il gol di Tiago, che sigla una doppietta e si prende la sua rivincita dopo una stagione con più ombre che luci. Sette a zero, ed è tutto dire. Poco da commentare, ma magari per i portoghesi qualche rimpianto c'è, visto che se avessero battuto la Costa d'Avorio ora basterebbe un pari col Brasile per il primo posto nel girone, mentre invece saranno obbligati a vincere.

Jacopo Giove