"ACF Fiorentina informa di aver concesso al calciatore Nikola Kalinic la possibilità di lasciare momentaneamente il ritiro di Moena a causa di motivi familiari". Così recita una nota ufficiale del club viola, dopo che nella giornata di ieri, il bomber croato non si è allenato con i compagni, lasciando il ritiro di Moena. Una situazione che inevitabilmente, alla luce della posizione dell'attaccante, ha alimentato ulteriori indiscrezioni sulla possibilità di un approdo al Milan.

Fiorentina-Kalinic, aria di rottura.

Secondo quanto riportato da Sportmediaset, alla base della partenza di Kalinic potrebbe anche esserci il duro faccia a faccia tra il suo agente e il direttore sportivo della società del capoluogo toscano Pantaleo Corvino. L'incontro per decidere il futuro del ragazzo non è finito bene, a causa della situazione dell'attaccante che ha più volte confermato la sua volontà di accettare la proposta del Milan.

Kalinic vuole solo il Milan.

Le sue dichiarazioni di pochi giorni fa infatti "So che il Milan mi vuole e penso che per me questa sia una grande opportunità. Ecco perché voglio andare al Milan, ritengo chiuso il mio ciclo con la Fiorentina", hanno fatto arrabbiare la Viola che non aveva autorizzato le stesse. Multa per il giocatore e futuro in bilico per un vero e proprio nodo da sciogliere per la dirigenza toscana già al centro di una pesante contestazione dei propri tifosi.

Milan alla finestra di mercato per Kalinic.

Il Milan al momento temporeggia, concentrato esclusivamente sugli affari in dirittura d'arrivo per Biglia e Bonucci. Dopo la chiusura di queste due operazioni potrebbe partire l'assalto definitivo, per un mercato complessivo da più di 200 milioni di euro. Kalinic aspetta e spera di ritrovare presto Vincenzo Montella che avrebbe così con Borini, Silva e Calhanoglu un attacco nuovo di zecca.