Il Milan ancora furente per la sconfitta subita in pieno recupero contro la Juventus si lecca le ferite e si rammarica anche per il ko dello spagnolo Suso, che per colpa di un problema muscolare ha saltato la sfida con i bianconeri e sarà fuori per due settimane almeno. Il giocatore effettuerà un ulteriore controllo lunedì prossimo e quel giorno si conosceranno le reali condizioni del calciatore di Montella, che comunque di sicuro salterà il match di sabato prossimo contro il Genoa. I rossoneri sperano che lo stop sia breve, ma serpeggia del pessimismo e lo stop potrebbe essere più lungo di quello che si spera.

Suso si è infortunato al flessore della coscia destra nel corso del match con il Chievo (vinto per 3-1) in cui l’ex Liverpool ha dovuto abbandonare il campo nel primo tempo. Il problema sembrava superato, tanto che Montella pensava di mandarlo in campo contro la Juventus allo ‘Stadium’, ma nell’ultimo provino il giocatore ha mostrato di non essere al cento percento ed ha dato forfait. Montella lo ha portato in panchina lo stesso, pur sapendo di non poterlo utilizzare, come ha spiegato anche il d.s. del Milan Rocco Maiorino: “Non era al 100% e si è preferito non rischiarlo”.

L’esterno rossonero dunque si ferma – Lo stop dovrebbe essere di due settimane, e questa non è una cattiva notizia. Perché la Serie A scenderà in campo il prossimo weekend, ma non in quello successivo perché il grande calcio dei club lascia spazio alle nazionali e dunque se la prima diagnosi sarebbe confermata Suso salterebbe solo il match con il Genoa e tornerebbe alla ripresa del campionato, ai primi di aprile, contro il Pescara di Zeman. Ma i dubbi restano, perché il problema rischia di essere più serio e lo spagnolo potrebbe fermarsi per parecchie settimane. Le alternative comunque non mancano a Montella, che a Torino ha schierato l’ex rossoblu Ocampos.