Finalmente si sta riuscendo a capire chi vi sia realmente dietro al fondo cinese che ha acquistato il Milan con un closing milionario grazie al quale ha prelevato la maggioranza di quote dalla famiglia Berlusconi. Li Yonghong e Han Li hanno un passato imprenditoriale che appare solido e consolidato da investimenti milionari che ne garantirebbero l'integrità oltre che offrire una serie di operazioni di successo in Cina. E' ciò che si vogliono sentir dire i tifosi del Diavolo che attendono con ansia il prossimo mercato per capire realmente che tipo di esborso economico si vorrà effettuare.

La nuova proprietà – Si sa tanto di Li Yonghong e Han Li, rispettivamente presidente e membro del consiglio di amministrazione del Milan,  ma non tutto. Perché nei mesi scorsi sul loro conto si sono sprecate illazioni, dubbi, perplessità. Soprattutto economiche ed imprenditoriali con un closing sempre rimandato per mancanza di liquidità. Invece, analizzando il profilo dei due imprenditori cinesi, presentato oggi nel corso dell'Assemblea dei Soci del club rossonero a Casa Milan, ha aperto gli occhi su un'altra realtà.

Li Yonghong, re del fosforo – Li Yonghong classe '69, dal 1994 ha ricoperto svariate posizioni dirigenziali occupandosi per molti ani di investimenti sul mercato finanziario e ha una grande esperienza nell'individuare target di acquisizioni e nell'incrementare il valore delle aziende. E' socio di maggioranza della Guizhou Fuquan Group, proprietaria della più grande miniera di fosforo cinese, con una produzione di circa 3 milioni di tonnellate all'anno.

Han Lì, una vecchia conoscenza – Han Li, più giovane di un ventennio, è laureato a Stoccolma in Financial and Economic Management. Dal 2006 si occupa di fusioni, acquisizioni di società e di investimenti sul mercato finanziario cinese e dallo scorso 2014 è stato già vicino al club rossonero, che lo conosce bene, visto che si era messo al lavoro sulla trattativa per l'acquisizione del Milan da Fininvest, poi andata a ottimo fine.

Gli altri imprenditori – Lu Bo, altro membro del consiglio di amministrazione, è invece laureato in Business Administration a Hong Kong ed attualmente ricopre il ruolo di presidente della Haixia Capital Management. Infine c'è anche Xu Renshuo, nato nel 1992, laureato in Economia e commercio a Leicester e dal 2015 responsabile di una società che si occupa di investimenti nel settore immobiliare, sportivo e nuove tecnologie

Bilancio approvato e in crescita.

Intanto, sempre all'interno dell'ultima Assemblea dei Soci, è stato approvato il bilancio consolidato del Gruppo Milan chiuso al 31 dicembre 2016, che evidenzia un valore della produzione consolidato di 236.1 milioni di Euro, in crescita rispetto ai 213.4 dell'ultimo esercizio, e una perdita pari a 74.9 milioni.