Fino a qualche settimana fa, quasi tutti i tifosi milanisti avevano storto il naso davanti al suo arrivo. A distanza di settimane, però, il vento è decisamente cambiato per Gerard Deulofeu. Il talento e le capacità fisiche dello spagnolo, sono infatti esplose nel nostro campionato e hanno contribuito all'ex capitano della nazionale Under 21 iberica di ritrovare il sorriso e la fiducia nei propri mezzi. In attesa di capire quale sarà il suo destino (vorrebbe rimanere, ma il Barcellona potrebbe richiamarlo), Deulofeu si gode il suo momento magico e l'inatteso regalo del commissario tecnico delle "Furie Rosse".

Per la prossima sfida contro Israele (valevole per le qualificazioni mondiali) e per l'amichevole di prestigio con la Francia, Lopetegui ha infatti convocato anche il milanista che, con la nazionale maggiore, aveva giocato soltanto una partita nel 2014.

Le parole di Lopetegui.

Complice l'infortunio di Bonaventura e i recenti problemi fisici di Suso, Deulofeu è stato capace di ritagliarsi uno spazio importante nella formazione di Vincenzo Montella. Le sue prestazioni convincenti hanno così convinto anche il ct spagnolo: "Lo conosco molto bene e, nonostante le poche presenze all'Everton, l'ho sempre seguito – ha dichiarato il tecnico in conferenza stampa – Da quando è arrivato al Milan è tornato ad essere un giocatore importante. Sta giocando titolare in tutte le partite ed è in buon momento di forma. Ritengo che abbia il profilo giusto per crescere ancora e aiutarci a migliorare come vogliamo".

Per il match del prossimo 24 marzo a Gijon, decisivo per la testa del girone G, ci sarà dunque anche il 23enne cresciuto nella "cantera" del Barcellona: club che potrebbe anche richiamare il giocatore in Spagna, grazie alla clausola di "recompra" precedentemente siglata in occasione del suo passaggio all'Everton.