Al sontuoso calciomercato del Milan manca la famosa ciliegina sulla torta, cioè un centravanti. Sfumati Aubameyang, che resterà al Borussia Dortmund, e Ibrahimovic, che tornerà con ogni probabilità a giocare con il Manchester United, restano nel mirino Kalinic, che da tempo aspetta la chiamata rossonera, e soprattutto il ‘Gallo’ Belotti, per il quale i dirigenti rossoneri sarebbero disposti ad un enorme sacrificio. Il Milan starebbe preparando un’offerta che potrebbe avvicinarsi ai 100 milioni della clausola rescissoria, valida in realtà solo per l’estero, inserita nel contratto del bomber del Toro.

L’offerta del Milan per Belotti.

Secondo quanto scrive ‘La Stampa’ il Milan continua a seguire l’attaccante del Torino. Mirabelli lo ha visionato dal vivo venerdì scorso nel match di terzo turno di Coppa Italia con il Trapani, in cui Belotti ha realizzato una doppietta. La clausola rescissoria del bomber della nazionale è di 100 milioni, ma vale solo per l’estero. Cairo comunque spera, in caso di cessione nei confini italiani, di avvicinarsi a quella somma. Il Milan starebbe pensando di mettere sul piatto 75 milioni di euro più Niang, che viene valutato circa 20 milioni. Il francese piace molto a Mihajlovic e potrebbe essere l’anello di congiunzione tra le due società.

L’alternativa al Gallo è Kalinic.

Mancano circa due settimane alla fine del mercato e il campionato è alle porte. Dunque non c’è più molto tempo per flirtare. O si chiude per Belotti o si cambia obiettivo. Sullo sfondo per il Milan c’è sempre l’attaccante croato Nikola Kalinic, che da un paio di mesi sta aspettando la chiamata di Montella. La Fiorentina ha bloccato il ‘Cholito’ Simeone e si è cautelata. Ma tutto il mercato degli attaccanti della Serie A ruota attorno alla trattativa per Belotti, che passando al Milan creerebbe un effetto domino.