Il Barcellona si aggrappa a Messi per provare a tenere viva una Liga che alla luce del rendimento della capolista Real Madrid sembra quasi compromessa. I catalani alla prima uscita nella Liga del 2017 hanno pareggiato in extremis sul campo di uno spumeggiante Villarreal in un incandescente stadio Madrigal, da oggi chiamato “Estadio de La Ceramica”. Un punto che fa scivolare la squadra di Luis Enrique al terzo posto alle spalle del Siviglia e di quel Real Madrid che vanta 5 punti di vantaggio e una partita da recuperare. Brutte notizie dunque per i catalani che contro il Sottomarino giallo hanno seriamente rischiato di rimediare la prima sconfitta del nuovo anno.

Primo tempo molto divertente, con i padroni di casa abili a sfruttare le ripartenze con la velocità degli scatenati Paio e Sansone. D’altro canto il Barça si è affidato ai soliti noti, ovvero Neymar, Suarez e Messi che si sono scontrati contro un Asenjo in serata di grazia e capace di disinnescare ogni pericolo nella sua area piccola. Nella ripresa al 49’ è arrivato il vantaggio dei gialli di Spagna con l’attaccante italiano che ha sfruttato un ottimo assist del brasiliano ex Milan per battere ter Stegen con un diagonale velenoso.

La reazione del Barça è stata veemente e il palo di Messi è stato il preludio al gol del pareggio firmato proprio dalla Pulce che ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai suoi. Punizione strepitosa del numero 10 argentino allo scadere e pareggio blaugrana. L’espulsione nel finale di Costa per il Villarreal non ha cambiato il corso del match conclusosi sull’1-1. Una conferma dunque del valore della squadra di Escribà, 5a in campionato con un punto di distanza dall'Atletico Madrid.