Il dieci luglio, giorno nel quale la squadra di Massimiliano Allegri si ritroverà per il raduno estivo a Vinovo, è dietro l'angolo. A pochi giorni dai primi allenamenti bianconeri, in casa Juventus tiene banco il mercato con tutte le possibili trattative nelle quali il club campione d'Italia potrebbe fare la voce grossa. In corsa per poter strappare Gigio Donnarumma al Milan, il club bianconero guarda anche ad altri possibili innesti per la rosa del tecnico livornese. L'obiettivo principale, così come ha confermato Beppe Marotta, è quello di rinforzare ulteriormente una squadra già molto competitiva. "Non ci saranno spese straordinarie tipo quella di Higuain – ha dichiarato il dirigente nell'intervista al "Corriere della Sera" – Restiamo nell’ordinario, anche se le valutazioni che ci sono in giro sono pazzesche".

Il Chelsea insiste per Alex Sandro.

Dopo Schick e Szczęsny, ormai vicini alla firma, la società di corso Galileo Ferraris segue anche Douglas Costa, N’Zonzi, Bernardeschi, De Sciglio e Verratti, anche se per quest'ultimo Marotta ha alzato un muro ad oggi invalicabile: "Il giocatore del Paris Saint-Germain, per caratteristiche tattiche e investimento, è un profilo che non ci interessa. Iniesta? Non è raggiungibile". Nei prossimi giorni, oltre ai possibili colpi in entrata, la Juventus dovrà valutare anche eventuali offerte per alcuni dei suoi big: già accostati a grandi club europei. "Se sono possibili cessioni eccellenti? Non per nostra volontà, ma ci dobbiamo confrontare con società che possono dare ingaggi più alti – ha evidenziato il direttore generale e amministratore delegato juventino – Per Cuadrado e Bonucci non ne abbiamo sentore, per Alex Sandro il Chelsea ha invece fatto un’offerta molto elevata (si parla di 60 milioni di euro, ndr). Abbiamo detto di no, ma oggi i giocatori sono padroni di se stessi".