L'Inter di questa prima parte di stagione convince tutti, critica, tifosi e proprietà. La squadra di Luciano Spalletti ha vinto le prime tre gare di campionato e si trova in testa ala classifica insieme a Juventus e Napoli, le vere candidate allo scudetto, ma i nerazzurri lavorano già per futuro.

La dirigenza della Beneamata è già proiettata sulla prossima sessione di mercato e, a prescindere dal Fair Play Finanziario e dalle questioni politiche cinesi, l’Inter a gennaio andrà su un centrocampista di gamba, che porti in dote un buon numero di reti e che possa garantire un notevole cambio di passo negli ultimi 16 metri.

Inter, si lavora per gennaio: obiettivo centrocampista.

Dopo i nomi circolati per tutta l'estate, ovvero quelli di Radja Nainggolan, Arturo Vidal e Naby Keita, Sabatini e Ausilio stanno già lavorando per gennaio e un centrocampista con quelle caratteristiche arriverà. Spalletti ha ricevuto rassicurazioni sotto questo punto di vista e gli uomini mercato si stanno muovendo su diversi fronti. In questo momento la linea mediana nerazzurra può contare esperienza, solidità e discreta tecnica, ma manca di dinamicità e rapidità. Gli occhio sono puntati sul mercato dell'America Latina perché ad agosto è stato deciso di non "occupare" l’ultima casella degli extracomunitari. Più di un indizio? Vedremo.

Inter, innesto in difesa ‘non prioritario'

Dopo aver cercato un difensore centrale negli ultimi giorni di trattative ad agosto, ora la casella da riempire nel reparto arretrato è passata in secondo piano: viene riposta fiducia in Ranocchia, D’Ambrosio, fino al rientro di Cancelo, e Vanheusden come alternative alla coppia titolare Skriniar-Miranda. A meno di infortuni gravi, i nerazzurri potrebbe muoversi verso altri lidi nella sessione di gennaio. Dovrebbe essere tutto rimandato a giugno, quando si andrà su un calciatore forte e di prospettiva: il nome più gettonato è quello di Issa Diop del Tolosa.

Tronchetti: Spalletti sulla buona strada. Juve favorita.

"Spalletti è un ottimo allenatore, ha carattere, sa tenere lo spogliatoio, dà fiducia alla squadra e ai tifosi". Questo il pensiero dell'amministratore delegato Pirelli e grande tifoso interista, Marco Tronchetti Provera, rimasto favorevolmente impressionato dall'impatto del tecnico di Certaldo sull'ambiente nerazzurro. Il dirigente ha parlato a Sky Sport 24 di quanto ha fatto dalla Beneamata in queste prime tre gare di campionato

Ho visto una squadra che comincia ad avere carattere. Non è ancora continua ma Spalletti ha dato un'impronta buona, c'è da ben sperare. Dove può arrivare? È presto per dirlo ma l'inizio è buono e la strada giusta. Adesso l'importante è avere speranza per il futuro. Gli ultimi anni sono stati di frustrazione ma adesso sembra che ci siano speranze, la squadra respira un'atmosfera diversa.