Sembrava tutto fatto con l'Inter ma ora Pietro Pellegri ed Eddy Anthony Salcedo Mora sembrano finiti nell'orbita del Milan. All'inizio della sessione di mercato i due calciatori erano stati accostato più e più volte al club nerazzurro ma sembrano esserci diverse novità, perché il Milan è parecchio interessato ai due ragazzi del 2001 e negli ultimi giorni sta pensando al colpo a sorpresa. Un derby di mercato a tutti gli effetti.

L'Inter li aveva presi in considerazione provando ad intavolare un'operazione con cifre parecchio importanti, quasi surreali, ovvero 60 milioni tra cartellini e bonus. Successivamente il Fair Play Finanziario e alcune restrizioni sugli investimenti cinesi nel calcio estero hanno posto un freno a Sunning. Il Milan sta pensando di inserirsi e fare uno sgarbo parecchio incisivo nei confronti dei cugini. Se dovessero arrivare, i due attaccanti si troverebbero in Primavera con Jorgen Strand Larsen, attaccante centrale norvegese del 2000 in arrivo dal Sarpsborg. Intanto domani Salcedo potrebbe essere in campo al fianco di Galabinov e Pandev a causa dell'assenza di Lapadula, alle prese con una fascite plantare.

Milan, accordo con la Fiorentina per Kalinic.

Nikola Kalinic è in arrivo a Milan: il club toscano ha accettato l'offerta della società rossonera, mancano da definire alcuni dettagli e breve è atteso per le visite mediche. L'attaccante croato che passa al Milan con la formula del prestito con obbligo di riscatto. Ad agevolare l'operazione è stato l'approdo di Giovanni Simeone dal Genoa alla corte di Stefano Pioli.

Milan, Niang verso il Toro.

M'Baye Niang ha messo in stand-by l'offerta dello Spartak Mosca perché attende il Torino. Secondo quanto riportato da La Stampa oggi in edicola il Milan avrebbe rifiutato un’offerta di 12 milioni di euro ma i granata insisteranno per il francese, primo obiettivo di mercato per quanto concerne i rinforzi in attacco.

Milan, proposto Jack Wilshere.

L'agente del centrocampista inglese, centrocampista classe '92 reduce da una stagione al Bournemouth, ha parlato del suo assistito alla dirigenza del club rossonero. Mirabelli ci sta pensando ma non è convinto a causa della frequenza con cui Wilshere si infortuna: considerando solo le ultime due stagioni infatti il centrocampista ha subito per ben due volte la frattura del perone.