Donnarumma furioso per il rigore di Dybala.

La Juventus con un rigore di Dybala in pieno recupero batte 2-1 il Milan. Finita la partita protestano pesantemente tutti i calciatori rossoneri. Bacca si scaglia contro l'arbitro e viene stoppato da Galliani, sceso in campo, e Montella. Si arrabbia tantissimo anche Donnarumma, il migliore in campo, che si avvicina alterato all'arbitro a cui ne dice quattro prima di essere portato via.


Juventus-Milan 2-1.

31esima vittoria consecutiva in casa per i bianconeri, che sconfiggono 2-1 il Milan. Dopo i gol nel primo tempo di Benatia e Bacca segna al 97′ su rigore Dybala.

Juventus-Milan 2-1

Dybala su rigore al 97′, la Juve batte il Milan 2-1.

Nel finale Sosa viene espulso per doppia ammonizione, Higuain ci prova con una girata al volo fantastica, ma il pallone termina al lato. Donnarumma salva poi sul ‘Pipita' con una parata straordinaria. Sembra definitivo l'1-1. Ma al 95′ l'arbitro assegna un calcio di rigore per un fallo di mano di De Sciglio. Dal dischetto Dybala non sbaglia ed è 2-1.


Benatia ko, entra Rugani.

Dopo il cartellino giallo per Pjanic, che allunga la folta lista degli ammoniti, esce Benatia. Il marocchino, goleador di serata, accusa problemi muscolari e lascia il posto a Rugani.


Donnarumma superbo.

La Juventus attacca, il Milan si difende e mantiene l'1-1 grazie a Gigio Donnarumma, che con due parate quasi consecutive su Khedira e Higuain conferma di essere uno dei migliori in campo.


Traversa di Pjanic.

La Juventus insiste ed assedia il Milan. Pjaca non sfrutta un liscio di De Sciglio e calcia al lato. Pjanic invece con una conclusione dalla distanza prova a sorprendere Donnarumma, che tocca il pallone e lo manda sulla traversa.


Montella toglie Bacca, entra Kucka.

La Juventus inizia il secondo tempo con il piede sull'acceleratore e attacca senza freni. Donnarumma è attento e difende l'1-1. Montella sostituisce Carlos Bacca e decide di mandare in campo Kucka. Deulofeu adesso è il falso nueve.


Si riparte, Juve con Lichtsteiner.

Inizia il secondo tempo, Allegri manda in campo Lichtsteiner al posto di Barzagli.


Fine primo tempo.

Juventus e Milan tornano negli spogliatoi sull'1-1. Gol di Benatia e Bacca.


Splendida azione del Milan e 1-1 di Bacca.

Contropiede perfetto del Milan e 1-1. Con quattro passaggi i rossoneri passano dalla propria trequarti all'area bianconera, Deulofeu serve Bacca che con un tocco fantastico supera Buffon.


Benatia, Juventus 1 Milan 0.

1-0 della Juve. Dani Alves combina magistralmente con Dybala e trova con un pallone splendido il difensore marocchino che in posizione da centravanti con un tiro potentissimo non lascia scampo a Donnarumma.


La Juve ci prova con Higuain.

Donnarumma dice di no il ‘Pipita', due volte. La Juventus è sempre più padrona del campo.


Bell’inizio.

Il Milan parte forte, ma la prima palla gol è della Juve. Pjaca si inserisce bene e calcia in porta, Donnarumma si distende e respinge. Khedira si avventa sul pallone, ma non riesce a concludere perché Zapata lo chiude. La Juventus pian piano guadagna campo e giocando molto bene ci prova ancora due volte con Dybala.

Bell'inizio

Via.

Inizia Juventus-Milan.


Juventus-Milan, le formazioni: Ocampos nel tridente di Montella, Dani Alves avanzato.


Assenze pesanti per Allegri e Montella.

Allegri non dispone di Chiellini, fuori per problemi muscolari, e Cuadrado, squalificato. In difesa toccherà a Benatia. In avanti verrà spostato Dani Alves. Montella invece ha perso all'ultimo momento Suso, che sarà sostituito da Ocampos, a centrocampo conferma Pasalic e Sosa.

Le probabili formazioni di Juventus-Milan

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Barzagli, Bonucci, Benatia, Asamoah; Khedira, Pjanic; Dani Alves, Dybala, Mandzukic; Higuain. All. Allegri

Milan (4-3-3): Donnarumma; De Sciglio, Zapata, Paletta, Romagnoli; Pasalic, Sosa, Bertolacci; Ocampos, Bacca, Deulofeu. All. Montella


Juventus-Milan, atto numero IV.

Una sfida di lusso apre la ventottesima giornata della Serie A ed è Juventus-Milan. Allegri e Montella si affronteranno per la quarta volta negli ultimi cinque mesi. Il bilancio finora è in parità: una vittoria per parte e un pareggio. La Juve vuole allungare la sua serie di vittorie consecutive in casa (sono 30) e vuole mettere pressione a Roma e Napoli, che domenica sfideranno due delle ultime della classe (Palermo e Crotone); mentre il Milan, reduce da una serie positiva, non vuole perdere terreno nella corsa all'Europa e vorrebbe sfruttare il confronto diretto tra Inter e Atalanta.