Il Napoli vince 3-1 a Verona.

Soffre un po' negli ultimissimi minuti, ma vince il Napoli, che con Sarri per la prima volta conquista i tre punti all'esordio. Finisce 3-1. Autorete di Souprayen e gol di Milik nel primo tempo, nella ripresa il match viene di fatto chiuso da Ghoulam. Nel finale su rigore accorcia Pazzini. Il Napoli aggancia la Juventus al comando.

Il Napoli vince 3-1 a Verona

Napoli in 10, rosso a Hysaj. Gol di Pazzini, 1-3.

Intervento sciocco di Hysaj su Bessa. Rigore netto e cartellino rosso per l'albanese. Dal dischetto si presenta capitan Pazzini che batte Reina. Verona 1 Napoli 3.


Ghoulam, 3-0 del Napoli.

Il Verona parte con uno spirito diverso nella ripresa, dà battaglia su ogni pallone e va vicino al gol dell'1-2 con Bessa. Il brasiliano ci prova con un bel diagonale. Pepe Reina si distende e respinge. Al 61′ però il Napoli chiude la partita con Ghoulam, che segna il primo gol con la maglia del Napoli. Mertens appena subentrato a Milik dà il là all'azione e prova a concluderla. Nicolas respinge, sul pallone si avventa Ghoulam, che dopo tre anni e mezzo con la maglia partenopea può festeggiare un gol.


Via alla ripresa.

Inizia il secondo tempo di Verona-Napoli.


Fine primo tempo.

All'intervallo: Verona 0 Napoli 2 (Autorete di Souprayen al 31′ e gol di Milik al 39′). Fin qui netto dominio da parte della squadra di Sarri, alla 100esima partita con i partenopei.


2-0 del Napoli, gol di Milik.

Assist al bacio di Insigne e gol di Milik, 2-0. Il contropiede del Napoli è letale. Insigne con un tocco meraviglioso regala un pallone fantastico a Milik, che entra in area e con un destro radente batte Nicolas. Il polacco dopo undici mesi torna a segnare in Serie A con la maglia del Napoli.


Napoli in vantaggio, autorete di Souprayen.

1-0 del Napoli. Callejon batte un calcio d'angolo, Nicolas prova ad anticipare Koulibaly ma esce molto male, il pallone finisce sul difensore del Verona Souprayen, che in modo del tutto involontario fa autogol.


Il Napoli continua ad attaccare.

Il Verona adesso è in difficoltà. Il Napoli attacca con forza. Il portiere Nicolas è molto attento e finora è riuscito a rispondere alle conclusioni di Insigne e Callejon, molto più pericolosi di Milik, che si è visto pochissimo.


La prima occasione è per Insigne.

Il Napoli pianta subito le tende nella metà campo del Verona e dopo nemmeno due minuti e mezzo ha la prima occasione con Insigne, che trova bene la posizione calcia in modo potente, ma centrale.


Via.

Dopo un minuto di raccoglimento in memoria per le vittime dell'attentato di Barcellona inizia Verona-Napoli.


Juventus-Cagliari 3-0.

La Juventus inizia alla grande il proprio campionato battendo in casa per 3-0 il Cagliari. Gol di Mandzukic e Dybala nel primo tempo e di Higuain nella ripresa.

Juventus-Cagliari 3-0

Esordio in Serie A per Matuidi e Douglas Costa.

Allegri fa saggiare la Serie A prima a Blaise Matuidi, che ha scelto il numero 14 (che alla Juve indossò il suo c.t. Didier Deschamps), e Douglas Costa, che in bianconero l'esordio ufficiale lo ha fatto contro la Lazio nella Supercoppa Italiana. Il brasiliano ha preso il posto di Cuadrado. Resta fuori Bernardeschi. Perché il primo cambio è stato Marchisio per Khedira.


Verona-Napoli, le formazioni: Sarri fa turnover. Gioca Milik al posto di Mertens.


Higuain, 3-0 Juve.

Azione splendida della Juventus e 3-0. Higuain conclude con un tiro potente un'azione nata da Alex Sandro e proseguita da Khedira. Primo gol in campionato per il ‘Pipita', a segno all'esordio anche lo scorso anno. Tutti e tre gli attaccanti di Allegri hanno segnato. La Juve è già in grande spolvero.


I tifosi della Juve celebrano Padoin.

Tutti i tifosi bianconeri nutrono un affetto enorme per Simone Padoin, che con la Juventus ha vinto 5 scudetti. Il centrocampista friulano è stato celebrato prima con un coro dedicato e poi ha ricevuto una ovazione al momento della sostituzione.


Secondo tempo.

Si riparte. La Juventus conduce 2-0. Hanno segnato Mandzukic e Dybala. Il Cagliari ha fallito un calcio di rigore con Farias. Penalty assegnato dall'arbitro con l'aiuto della VAR.


Dybala, 2-0 della Juve.

Allo scadere del primo tempo la Juventus raddoppia e forse chiude già la partita. L'argentino riceve un pallone spettacolare da parte di Pjanic, elude la linea della difesa sarda e con un tiro al volo fantastico non lascia scampo a Cragno. Sul 2-0 Juventus e Cagliari tornano negli spogliatoi al termine del primo tempo.


La 1a volta del VAR in Serie A, rigore per il Cagliari. Para Buffon.

Fallo di Alex Sandro su Cop. Sembra rigore, l'arbitro però non lo assegna, ma si consulta con la VAR. Il gioco viene sospeso in attesa della decisione della ‘moviola in campo'. Il rigore c'è, Maresca lo assegna. Dal dischetto si presenta Farias. Il sudamericano calcia malissimo e Buffon lo para.


Che errore di Faragò, il Cagliari manca il pareggio.

Con una bellissima azione il Cagliari ha una grande palla gol. Buffon come al solito è bravissimo e risponde a Farias, sul pallone si avventa Faragò che sorprende i centrali juventini ma calcia malissimo. Il pallone finisce altissimo.


La Juve gestice il vantaggio.

Dopo il gol di Mandzukic il Cagliari, privo di un vero centravanti, non è riuscito mai a impensierire Buffon. La Juventus si è messa subito in gestione gara e a bassi ritmi tiene l'1-0 cercando senza forzare il raddoppio.


Gol di Mandzukic, 1-0 Juve.

Juventus in vantaggio al 12′. Lichtsteiner mette in mezzo uno splendido pallone, non ci arriva Higuain, ma Mandzukic che con una girata al volo sorprende Cragno, 1-0. Il croato che aveva segnato l'ultimo gol della scorsa stagione juventina (nella finale di Champions) è il primo marcatore del nuovo campionato.


Via.

Dopo un minuto di raccoglimento per le vittime dell'attentato di Barcellona, inizia Juventus-Cagliari, primo match della Serie A 2017-2018.


Juventus-Cagliari, le formazioni: in campo Rugani, Marchisio e Cuadrado.


Le probabili formazioni di Juventus-Cagliari e Verona-Napoli.

Juventus-Cagliari è il primo match del campionato 2017-2018. Allegri rispetto al match di Supercoppa dovrebbe cambiare qualcosa. In rampa di lancio Marchisio e Rugani. Nel Cagliari tornano Cragno e Cop. Dall'inizio i nuovi acquisti Cigarini e Andreolli. Cambierà qualcosa anche Sarri, perché il match con il Verona arriva tra i due con il Nizza.

Le probabili formazioni di Juventus-Cagliari

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Marchisio; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. All. Allegri

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Padoin, Andreolli, Pisacane, Capuano; Dessena, Cigarini, Barella; Joao Pedro; Sau, Cop. All. Rastelli

Le probabili formazioni di Verona-Napoli

Verona (4-3-3): Nicolas; A.Ferrari, Caceres, Heurtaux, Souprayen; Romulo, B.Zuculini, Sessa; Cerci, Pazzini, Verde. All. Pecchia

Napoli (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri

Le probabili formazioni di Juventus-Cagliari e Verona-Napoli

Apre Juve-Cagliari.

Finalmente si riparte. Con l'anticipo Juventus-Cagliari inizia il campionato di Serie A 2017-2018. Sarà un'annata lunghissima, che terminerà con i Mondiali di Russia, che si prevede soprattutto un po' più equilibrata. Anche se la Juventus resta sempre la squadra favorita per la vittoria dello scudetto, non sembra così scontato il titolo dei bianconeri. Napoli e Milan seguono a ruota nella griglia di partenza della Serie A, seguite da Inter e Roma.

Proprio i campioni d'Italia saranno i primi a scendere in campo. Allegri non ha più Bonucci, ma ha avuto cinque giocatori, l'ultimo il francese Matuidi, e i colpi di Marotta non sono finiti. Contro il Cagliari i bianconeri proveranno a riscattarsi dopo la sconfitta subita domenica scorsa in Coppa Italia. Rastelli, che non ha più Borriello passato alla Spal, cercherà di sfruttare le classiche insidie d'inizio stagione e proverà a rendere molto complicata la vita della Juventus.

Alle 20:45 tocca al Napoli impegnato in casa del Verona. Gli azzurri, che hanno finito benissimo lo scorso campionato, hanno iniziato la stagione molto presto per via del playoff di Champions e ora cercheranno di partire con il piede giusto al Bentegodi, dove il gialloblu di Pecchia torneranno a respirare aria di Serie A.