Napoli batte Bologna 3-0.

Napoli batte Bologna 3-0

Bologna-Napoli 0-3, Zielinski in rete.

Bellissima azione del Napoli che dopo una serie incredibile di passaggi arriva al terzo gol grazie all'altruismo di Callejon che appoggia il pallone a Zielinski che con un tocco facile beffa ancora Mirante.


Bologna-Napoli 0-2, raddoppio di Mertens.

Raddoppio del Napoli con Mertens. Il belga ruba un pallone a Pulgar s'invola verso la porta avversaria e batte sotto le gambe Mirante. Esultanza silenziosa per il belga che non festeggia il gol, ma riceve solo l'abbraccio dei compagni.


Pulgar-Verdi siparietto prima del calcio di punizione.

Punizione dalla trequarti per Verdi che vuole battere subito. Alla fine Pulgar decide di non concedere la battuta al compagno. Batte il sudamericano e spedisce il pallone in curva.


Hysaj calcia da ottima posizione, pallone in fallo laterale. Fischi per Diawara.

Bel duetto tra Insigne e Hysaj con il tiro dell'esterno albanese che finisce addirittura in fallo laterale. Fischiatissimo l'ex Diawara, subentrato a Jorginho. Nel Bologna, Petkovic per un generosissimo Palacio


Esce tra i fischi Destro, entra Krejci.

Cambio nel Bologna. Donadoni sostituisce Mattia Destro con Krejci. Fischi per il centravanti italiano al momento dell'uscita


Bologna-Napoli 0-1: gol di Callejon.

Crossa dalla sinistra di Insigne e Callejon approfitta di un errore di posizionamento di Masina per colpire di testa e portare avanti i suoi. Gol dal peso specifico notevole per la squadra di Maurizio Sarri. E tutti applaudono "Il magnifico" per il gran cross, dopo le tante critiche ricevute in Nazionale


Entra Zielinski per Hamsik.

Cambio nel Napoli, esce un deludente Hamsik ed entra Zielinski


Clamorosa occasione per il Bologna.

Destro a tu per tu con Reina esalta le doti del portiere con il pallone che dopo un rimpallo con Albiol sembra destinato ad insaccarsi. Provvidenziale sulla linea l'intervento di Koulibaly che salva gli azzurri


Infortunio per Maietta, entra De Maio.

Il Bologna perde il suo leader difensivo Maietta per un problema muscolare. Subentra De Maio all'esperto centrale e va a fare coppia con Helander.


Destro, che occasione. Ma era in fuorigioco.

Destro tutto solo a tu per tu con Reina calcia malamente sul portiere. Il direttore di gara ferma tutto con colpevole ritardo per posizione irregolare del centravanti


Al via la ripresa.

Inizia il secondo tempo di Bologna-Napoli. Non ci sono altri cambi, oltre a quello che ha visto Albiol sostituire l'infortunato Chiriches. Lussazione alla spalla per lui.


Fine primo tempo: Bologna-Napoli 0-0.

Bel primo tempo tra Bologna e Napoli al Dall'Ara. Grandi emozioni per una sfida in cui è mancato solo il gol. L'occasione principale è capitata sui piedi di Verdi che su punizione ha costretto Reina al super intervento con deviazione della sfera sulla traversa.


Problemi alla spalla per Chiriches, entra Albiol con la maglia rattoppata.

Curioso infortunio alla spalla per Chiriches che prima si accascia al suolo e poi è costretto all'intervento dello staff sanitario. I medici provano a tirargli il braccio, ma il centrale sente troppo dolore. Si scalda Albiol che subentra al centrale ex Tottenham. Prima di entrare lo spagnolo si strappa la maglia che viene rattoppata con il nastro adesivo blu


Placcaggio di Palacio a Insigne, giallo.

Fallo di Palacio su Insigne. Intervento tattico dell'ex Inter che finisce nella lista degli ammoniti e si scusa prontamente con Insigne


Proteste di Mertens, chiede un rigore.

Callejon sfonda a sinistra e crossa per Hamsik che conclude rasoterra e trova la risposta di Mirante attentissimo. Subito dopo contatto Mertens-Helander con il belga che protesta chiedendo l'intervento del Var.


Mirante, che dribbling su Mertens.

Numero di Mirante che dopo un retropassaggio si libera di Mertens con un dribbling rischioso ma perfetto. Applausi del Dall'Ara


Gol di Masina, annullato per fuorigioco. Ammonito Destro.

Masina tutto solo gonfia la rete su un gran diagonale di Di Francesco. Esultanza strozzata in gola per l'esterno in netta posizione irregolare. Destro impedisce la ripartenza del Napoli e finisce nella lista dei cattivi.


Cartellino giallo per Chiriches.

E arriva anche il primo giallo del match per un giocatore del Napoli. Ammonito Chiriches per un intervento duro quasi all'altezza della mediana.


Giallo anche per Pulgar.

Pulgar allarga le braccia su un contrasto con un avversario, giallo anche per il centrocampista del Bologna dopo quello a Helander.


Reina super, devia sulla traversa una punizione di Verdi.

Intervento decisivo di Reina che a mano aperta devia sulla traversa una conclusione a giro perfetta di Verdi che era indirizzata nel sette. Il calciatore del Bologna ha iniziato il match alla grande


Entrataccia di Palacio su Callejon, Sarri infuriato.

Brutto intervento di Palacio con la gamba alta su Callejon non sanzionato dal direttore di gara. Lo spagnolo resta a terra qualche secondo ma sembra in grado di proseguire. Sarri infuriato in panchina con l'arbitro.


Verdi ad un passo dal gol.

Che iniziativa di Verdi! Il centrocampista offensivo entra in area dalla sinistra e con una doppia finta si libera per il tiro di sinistro. Un fendente che esce di pochissimo alla sinistra di Reina.


Helander costretto al giallo su Mertens.

Ripartenza bruciante per gli azzurri. Mertens steso da Helander che non può fare altro, cartellino giallo per il centrale che non potrà commettere ulteriori leggerezze.

Helander costretto al giallo su Mertens

Inizia il posticipo Bologna-Napoli.

Non c'è il tutto esaurito al Dall'Ara per Bologna-Napoli, ma l'atmosfera è comunque "calda". Si fanno sentire i sostenitori rossoblu, ma anche quelli azzurri che occupano il settore ospiti a loro riservato. Volti concentrati tra i protagonisti, e grande cordoglio per il minuto di raccoglimento per la scomparsa dell'arcivescovo di Bologna. Si parte!


Le formazioni ufficiali di Bologna-Napoli.


Il Toro espugna Benevento: decide Iago Falque nel recupero.

La risolve nel finale di gara il Torino grazie ad un'invenzione di Ljajic e un tiro a fil di palo di Iago Falque: festa granata al Vigorito che continua la striscia positiva dopo la vittoria in casa con il Sassuolo. Partita non bellissima ma combattuta dalle due squadre che avevano provato a rendersi pericolose ma ai "punti" avrebbero meritato di tornare a casa con un pareggio. Una giocata di Ljajic castiga il Benevento di Baroni alla terza sconfitta consecutiva.


Il Toro la sblocca nel recupero: Iago Falque!

Il Torino riesce a sbloccare la gara nei minuti di recupero con un tiro di Iago Falque dai 16 metri: l'esterno fredda Belec sul primo palo dopo un bel passaggio filtrante di Adem Ljajic.


Toro in contropiede, Belotti mette fuori la palla per i soccorsi.

L'attaccante del Torino mette fuori la palla durante un'azione di contropiede per prestare soccorso ad un calciatore avversario a terra in area. Grande gesto del capitano granata. Rispetto!


Secondo cambio per il Toro: dentro Baselli, fuori Acquah.

Ancora problemi per Sinisa Mihajlovic. Il tecnico granata è costretto al secondo cambio per problemi fisici: dopo aver sostituito Obi con Acquah nella prima frazione, ora è il turno dell'ex Parma di lasciare il posto a Daniele Baselli.


Ripartiti!

Nessun cambio da parte dei due tecnici durante l'intervallo. Seguiamo insieme la seconda parte di Benevento-Torino.


Intervallo: reti inviolate al Vigorito.

Si chiude con il risultato di o-o il primo tempo tra Benevento e Torino. Meglio la squadra di casa in questi primi 45′ con Ciciretti, Iemmello e Memushaj tra i migliori per i giallorossi. I granata non riescono ad essere quasi mai pericolosi dalle parti di Belec.


Buona parata di Sirigu su Coda: il Benevento ci prova.

Bel tiro dal limite dell'ex centravanti della Salernitana che fa volare Sirigu sulla sua destra: ottimo intervento dell'estremo difensore del Toro che devia lateralmente la palla e sventa il pericolo.


Benevento vicino al goal: Iemmello e Ciciretti mettono paura a Sirigu.

I giallorossi vanno vicini al goal con un'azione che parte da sinistra, vede Iemmello recuperare un pallone sulla linea di fondo e rimbalzare la palla nell'area piccola con Sirigu superato dal pallonetto della punta di Baroni.


Occasione Benevento: Lucioni non trova la porta.

Il capitano del Benevento colpisce di testa su una punizione di Ciciretti ma la mira non è efficace. Risultato fermo sullo 0-0.


Buon ritmo ma poca lucidità negli ulitmi metri.

Gara su buoni ritmi ma non vi sono occasioni da goal da segnalare per entrambe le squadre.


Piove a dirotto a Benevento, gara non è a rischio.

Sul Ciro Vigorito si è abbattuto un violento acquazzone che potrebbe ritardare l'inizio della gara. La situazione è in via di sviluppo ma la gara dovrebbe iniziare a breve.


Benevento-Torino, le formazioni titolari.

Le formazioni ufficiali di Benevento-Torino, unica gara che si giocherà alle 18:00.

Benevento (4-4-2): Belec; Venuti, Lucioni, Antei, Letizia; Ciciretti, Cataldi, Memushaj, D’Alessandro; Coda, Iemmello. A disposizione: Brignoli, Del Pinto, Djimsiti, Chibsah, Viola, Di Chiara, Gyamfi, Parigini, Puscas, Lazaar, Lombardi, Armenteros. Allenatore: Baroni.

Torino (4-2-3-1): Sirigu; De Silvestri, N’Koulou, Moretti, Molinaro; Rincon, Obi; Falque, Ljajic, Niang; Belotti. A disposizione: Milinkovic-Savic, Ichazo, Bonifazi, Acquah, Baselli, Burdisso, Ansaldi, Edera, Berenguer, Barreca, Lyanco, Sadiq. Allenatore: Mihajlovic.


Una superba Lazio batte un piccolo Milan 4-1.

Grande partita all'Olimpico dove la Lazio batte per 4-1 il Milan grazie ad una tripletta di Immobile e una rete di Luis Alberto. Montolivo riduce il passivo per i rossoneri che oggi non sono stati all'altezza della squadra di Simone Inzaghi. Grande gara della punta della Nazionale, di Milinkovic-Savic, di Lucas Leiva e di Parolo ma tutti i biancocelesti mettono in campo qualcosa in più rispetto ai loro avversari.

La squadra di Montella dopo un buon inizio si fa mettere sotto dalla Lazio, che a cavallo dell'intervallo infila per 4 volte Donnarumma, e la reazione è minima rispetto a quanto ci si aspettava. Alla prima grande prova si vedono alcuni problemi nell'assemblaggio dei nuovi per il tecnico rossonero: ci vorrà tempo per vedere il nuovo Milan.


La Lazio prende campo, il Milan non c’è.

I ragazzi di Simone Inzaghi, dopo aver subito la reazione del Milan in seguito al quarto goal, sono usciti bene in diverse situazioni e con Immobile sono andati vicino al quinto goal.


Si sveglia il Milan: Montolivo per il 4-1.

Il centrocampista rossonero insacca alle spalle di Strakosha dopo una punizione sbagliata di Suso e un tiro forte ma mal indirizzato di Kessié.


Poker della Lazio: ci pensa Luis Alberto.

La Lazio ora passeggia sulla difesa del Milan: contropiede fulmineo di Immobile che serve al centro Luis Alberto. Lo spagnolo tocca sotto il pallone e infila il poker per i biancocelesti.


Ancora Immobile: terzo goal per la Lazio.

Lulic sfonda a sinistra e tocca centralmente per Parolo: il centrocampista finta di appoggiare la palla dietro e tocca di tacco per Immobile che fa secco Donnarumma per la terza volta.


Si riparte all’Olimpico: Lazio in vantaggio sul Milan per 2-0.

Ripartiti all'Olimpico!


Finali: Viola forza 5, Atalanta di rimonta, vittorie preziose per Udinese e Cagliari.

Si chiudono le gare delle ore 15:00 di questa terza giornata di Serie A con risultati importanti.

Atalanta-Sassuolo 2-1 (Sensi, Cornelius, Petagna)
Hellas-Fiorentina 0-5 (Simeone, Thereau, Astori, Veretout, Dias)
Cagliari-Crotone 1-0 (Sau)
Udinese-Genoa 1-0 (Jankto)


Dilaga la Fiorentina: quinto goal di Gil Dias.

Tiro a incrociare che passa sotto le gambe di Nicolas e si infila in rete: quinta rete per la squadra di Pioli al Bentegodi. Notte fonda per l'Hellas Verona di Pecchia, alla seconda sconfitta casalinga dopo quella con il Napoli all'esordio.


Fantastico Immobile: semirovesciata e raddoppio Lazio.

Bellissimo cross dalla destra di Lulic e Ciro Immobile scaraventa in rete con una magnifica semirovesciata realizzando la sua personale doppietta. Una buonissima Lazio ha spazzato via l'inizio incoraggiante del Milan.


Petagna goal: Atalanta in vantaggio.

Andrea Petagna, appena entrato al posto di Cornelius, manda la palla nell'angolino basso di sinistra dopo essere stato liberato da un passaggio superlativo di Alejandro Gomez. Il punteggio ora dice 2-1 per l'Atalanta sul Sassuolo. Proteste dei calciatori di Bucchi per un presunto fallo di Kurtic su Cannavaro.


Lazio in vantaggio: Immobile trafigge Donnarumma.

L'attaccante di Torre Annunziata batte il portiere del Milan su rigore e porta in vantaggio la Lazio. Ingenuo fallo di Kessié su Luis Alberto.


Poker Fiorentina: super goal di Veretout.

Magnifica punizione del centrocampista francese che non lascia scampo al povero Nicolas, costretto a raccogliere il quarto pallone in fondo alla rete.


Riprendono i secondi tempi.

Iniziano i secondi tempi delle gare cominciate alle ore 15:00. Vediamo cosa succede nei secondi 45′.


Fischi dell’Olimpico per Biglia.

Era atteso un clima non proprio accogliente per Lucas Biglia e così è stato: l'intero stadio gli riserva fischi incessanti ad ogni tocco di palla.


Via all’Olimpico!

È iniziata Lazio-Milan.


Tutto pronto per Lazio-Milan: le formazioni uffciali.

Il terreno di gioco dello stadio Olimpico si presenta in buone grazie ai teloni di protezione che hanno tenuto perfettamente la pioggia caduta incessantemente per tante ore sulla Capitale. Sono attesi 40 mila spettatori presso l'impianto sportivo capitolino.

Le formazioni ufficiali.


Si chiudono i primi tempi: ecco i risultati parziali.

I risultati parziali delle gare delle 15:00 della terza giornata di campionato.

Atalanta-Sassuolo 1-1 (Sensi, Cornelius)
Hellas Verona-Firoentina 0-3 (Simeone, Thereau, Astori)
Cagliari-Crotone 1-0 (Sau)
Udinese-Genoa 1-0 (Jankto)


Espulso Bertolacci con l’aiuto del VAR: brutta entrata su Lasagna.

Il centrocampista del Genoa si vede sventolare il cartellino rosso dopo un brutto intervento su Lasagna. Maresca ha chiesto l'aiuto del supporto tecnologico dopo qualche minuto dall'accaduto. Decisione giusta ma troppo tempo per decidere.


Gran goal di Cornelius: pareggio dell’Atalanta.

Grandissima rete per il giovane attaccante della Dea: dopo un rimpallo, la punta batte consigli con un grande mancino dal limite. Pareggio giusto per gli uomini di Gasperini.


Cagliari in vantaggio sul Crotone: Sau!

La prima rete al Sardegna Arena non poteva che segnarla lui, Marco Sau: grande palla in profondità per la punta sarda che batte Cordaz con un bel diagonale.


Sassuolo avanti a Bergamo: Sensi!

Stefano Sensi conclude un ottimo contropiede e porta avanti il Sassuolo allo stadio Atelti Azzurri d'Italia. Buona assistenza di Lirola per il centrocampista scuola Roma.


Tris viola a Verona: a segno Astori.

Su azione d'angolo il centrale difensivo anticipa il diretto avversario e fa gonfiare per la terza volta la rete dell'Hellas. Partenza da incubo per i ragazzi di Pecchia.


Jankto realizza per l’Udinese: Genoa sotto al Dacia Stadium.

Dopo il palo colpito da Nuytinck su cross di Lasagna, il centrocampista ceco insacca alle spalle di Perin la rete del vantaggio per i friulani.


Raddoppio viola: Thereau in rete all’esordio.

A causa di un fallo di Nicolas su Chiesa l'arbitro Damato concede un calcio di rigore alla Fiorentina che Cyril Thereau, al suo esordio con la maglia viola, realizza spiazzando il portiere dell'Hellas. Partenza bruciante per gli uomini di Pioli, in vantaggio di due reti dopo 10 minuti. Dubbi sul fallo da cui è scaturito il penalty: il portiere sembra aver colpito l'attaccante della Fiorentina poco fuori dall'area.


Fiorentina in vantaggio: Simeone!

Nicolas non respinge bene un tiro dal limite di Benassi e Giovanni Simeone si fa trovare pronto per ribadire in rete. Viola subito in vantaggio al Bentegodi.


La prima al Sardegna Arena.

Grande emozione a Cagliari per l'inaugurazione del nuovo impianto sportivo, corto al fianco del Sant'Elia.


Gare iniziate!

Le gare delle ore 15:00 sono iniziate. Seguiamole insieme!

Atalanta-Sassuolo
Cagliari-Crotone
Udinese-Genoa
Hellas Verona-Fiorentina

Il fischio d'inizio di Lazio-Milan è stato posticipato alle ore 16:00 a causa del maltempo, che ha creato diversi problemi a Roma.


Le formazioni ufficiali: esordio per Lapadula, Thereau e Pavoletti.

Queste le formazioni delle gare delle 15:00 valide per la terza giornata di Serie A.

Atalanta-Sassuolo.

Hellas Verona-Firoentina.

Cagliari-Crotone.

CROTONE: Cordaz; Sampirisi; Ceccherini; Cabrera; Martella; Rohden; Barberis; Mandragora; Stoian; Budimir; Trotta. Allenatore: Nicola.

Udinese-Genoa.


Inter batte Spal 2-0.

Con i gol di Icardi su rigore e Perisic l'Inter batte 2-0 la Spal e resta a punteggio pieno, come la Juventus. Non ha brillato la squadra di Spalletti ma ha ottenuto tre punti importanti. Esce sconfitta la squadra di Ferrara, che però ha disputato una buonissima partita.

Inter batte Spal 2-0

Gran gol di Perisic, raddoppia l’Inter.

Scaccia la paura e chiude la partita l'Inter con un gran gol di Perisic. L'azione dei nerazzurri è lunghisshima, Icardi riceve un buon pallone, prova a saltare un avversario, che lo stoppa. Il pallone finisce nei pressi di D'Ambrosio che con un cross perfetto trova Perisic, che con una girata al volo potente e precisa non lascia scampo a Gomis, 2-0.


Che traversa di Skriniar.

L'Inter soffre, Spalletti ha mandato in campo anche Brozovic. Ma la Spal, nonostante l'innesto offensivo di Antenucci, pur non faticando non riesce più a essere pericolosa. Skriniar con un gran tiro da oltre venticinque metri ha centrato in pieno la traversa.

Che traversa di Skriniar

Domina la Spal.

Netto dominio della Spal nei primi dieci minuti del secondo tempo. L'Inter è assediata nella propria trequarti. Una grande chance ce l'ha Paloschi, ma l'attaccante ventisettenne non è lesto e non ne approfitta. I corner arrivano in serie per i ragazzi di Semplici, che sembrano messi anche meglio a livello fisico.


Secondo tempo.

Inizia la ripresa di Inter-Spal, decide per ora un rigore di Icardi.

Secondo tempo

Fine primo tempo, 1-0 Inter.

Dopo il gol gioca sul velluto l'Inter, che va vicinissima al raddoppio con Candreva. L'esterno di Spalletti effettua una conclusione dalla distanza bellissima, Gomis vola e con la mano destra riesce a mettere il pallone in angolo. In pieno recupero la Spal ha una grande chance con Paloschi, che sotto porta però calcia malissimo e grazia Handanovic. Gli oltre 57mila spettatori di San Siro applaudono la squadra di Spalletti, che torna in vantaggio di un gol negli spogliatoi.


Rigore con la VAR, gol di Icardi.

Vicari stende Joao Mario. Per l'arbitro è punizione perché il fallo è al limite dell'area di rigore. L'intervento è proprio al limte dell'area. Ci sono grandi discussioni e Gavilucci chiede l'intervento della VAR. Il gioco viene sospeso per un paio di minuti, poi Gavilucci va a vedere il filmato a bordo campo. Dopo aver valutato le immagini l'arbitro decreta il penalty. Dal dischetto va Icardi che spiazza Gomis e segna il gol dell'1-0. 5° per l'argentino, che riaggancia Dybala nella classifica dei cannonieri.


La 1a occasione ce l’ha la Spal.

Bell'inizio di partita a San Siro. Gagliardini con una staffilata ci prova al 4′, il suo tiro è di poco al lato. La Spal risponde con Paloschi. L'ex attaccante del Chievo con un gran destro mette tanta paura a Handanovic. Il pallone viene deviato in corner del portiere sloveno.


Via.

Inizia Inter-Spal.


Inter-Spal, le formazioni: Gagliardini, Dalbert e Joao Mario titolari.


Il programma della 3a giornata di Serie A 2017-2018.

Nel pomeriggio la sfida più intrigante è senza dubbio Lazio-Milan. Simone Inzaghi, privo di Nani e Felipe Anderson, sfiderà il Milan di Montella, che cerca di rimanere a punteggio pieno. Nel pomeriggio si disputano anche Atalanta-Sassuolo, Cagliari-Crotone, Udinese-Genoa e Verona-Fiorentina, tutte queste squadre hanno iniziato molto male il campionato e hanno già bisogno di punti.

Alle 18 il Benevento ospita il Torino. Mentre il posticipo vedrà protagonista il Napoli, che al Dall'Ara giocherà contro il Bologna. Lo scorso febbraio finì 7-1 per i partenopei. Rinviata a data da destinarsi invece il match tra Sampdoria-Roma, che non si è disputato a causa del maltempo.


Inter-Spal.

Inter-Spal apre il programma domenicale della 3a giornata di Serie A. Dopo la terza vittoria della Juventus al Chievo (3-0, autorete di Hetemaj e gol di Higuain e Dybala) anche i nerazzurri proveranno a rimanere a punteggio pieno. La squadra di Spalletti è in forma ed è partita benissimo, ma anche la Spal di Leonardo Semplici ha iniziato nel modo migliore il campionato, con quattro punti ottenuti nelle prime due giornate.

Spalletti lancerà Gagliardini a metà campo, mentre in avanti ci sarà il tridente che ha fruttato già tre gol contro la Fiorentina e contro la Roma, e cioè Perisic, Icardi e Candreva. Dubbio modulo per Semplici, che potrebbe optare per il 3-5-2. In porta ancora Gomis al posto dell'infortunato Meret. In avanti l'esperienza di Borriello.

Le probabili formazioni di Inter-Spal

Inter (4-3-3): Handanovic; D'Ambrosio, Miranda, Skriniar, Dalbert; Borja Valero, Gagliardini, Joao Mario; Candreva, Icardi, Perisic. All. Spalletti

Spal (3-5-2): Gomis; Salamon, Vicari, Felipe; Lazzari, Schiattarella, Viviani, Mora, Costa; Antenucci, Borriello. All. Semplici