Luis Enrique: “Complimenti alla Juve, può vincere la Champions”

Luis Enrique: "Complimenti alla Juve, può vincere la Champions"

E' un Luis Enrique non soddisfatto ovviamente del risultato, ma positivo per la prestazione dei suoi ragazzi dopo lo 0-0 contro il Barcellona. Il tecnico dei catalani ha analizzato così la gara a Mediaset: "Noi volevamo fare una gara di questo livello, giocando veloce e tirando spesso. Ci è mancata lucidità negli ultimi metri. Si è vista una bella partita, con due grandi squadre".

L'ex mister della Roma ha voluto fare i complimenti agli avversari che possono arrivare fino in fondo alla Champions: "Complimenti alla Juve. Quando uno non si arrende fino alla fine e i tifosi lo sostengono, non c'è niente da dire. Penso che non abbiamo paura di dire da inizio stagione che siamo i favoriti. Allegri è un buon allenatore con ottimi calciatori: hanno tutte le possibilità di vincere, ma ci sono anche altre squadre. Se uno dice prima che va via e vince non succede nulla, se perde si parla di questo".


Bonucci: “Obiettivo Cardiff. Il sorteggio? Ora nessuno vuole incontrarci”

Bonucci: “Obiettivo Cardiff. Il sorteggio? Ora nessuno vuole incontrarci"

Eccezionale prova difensiva della Juventus contro il Barcellona. Eccezionale prestazione dei centrali bianconeri Chiellini e Bonucci con quest'ultimo che si è presentato davanti ai microfoni di Mediaset, gonfiando il petto: "Sapevamo che loro venivano a fare la gara alti, rischiando qualcosa. Siamo stati ben uniti e compatti in difesa. Merito anche della corsa di Mandzukic e Cuadrado che ci hanno aiutato. Abbiamo dato un'altra prova di grande squadra, di sacrificio e umiltà. Abbiamo più consapevolezza di noi stessi, dimostrando di essere una grande squadra. Ora un altro passo per la finale".

L'obiettivo dei bianconeri dunque resta la finale di Cardiff e Bonucci e compagni si presenteranno al sorteggio delle semifinali con un'altra consapevolezza, e come una delle squadre da evitare: "Il nostro obiettivo è la finale di Cardiff, e credo che siano le altre squadre a non volerci incontrare adesso. In uscita abbiamo regalato qualche pallone di troppo, io in primis. Ma era questa la partita che dovevamo fare. Non era facile farla diversamente: sapevamo che avrebbero spinto tanto. Ci è mancato solo l'ultimo passaggio".


Dybala: “Volevamo evitare il Barça e invece lo abbiamo eliminato”

Dybala: "Volevamo evitare il Barça e invece lo abbiamo eliminato"

Non ha brillato come nella gara d'andata, ma ha sfoderato comunque una prestazione generosa. Paulo Dybala ha comunque messo una firma importante sul successo contro il Barcellona nel doppio confronto. Ai microfoni di Mediaset La Joya non nasconde la gioia: "Siamo proprio contenti per questa impresa con il Barcellona. E’ una notte fantastica? Sicuramente, per quello che abbiamo visto nelle partite precedenti. Dopo il 6-1 del Barça contro il Psg sapevamo che dovevamo essere troppo solidi in difesa, ed è stato così. Non prendere gol contro una squadra come la loro non è semplice in due partite".

E la Dybala Mask, ovvero la classica esultanza dell'argentino porta fortuna. Il logo della stessa applicato sulle scarpette si è rivelato di buon auspicio: "La Dybala Mask? Mi porta fortuna quindi in Champions non la toglierò dalle scarpette. Messi? Non abbiamo parlato, ci siamo solo salutati perché compagni di nazionale. Sono andato a salutarlo come faccio sempre". Nessuna preferenza sulla squadra che Dybala vorrebbe incontrare in semifinale: "Chi vorrei in semifinale? Quando abbiamo guardato il sorteggio volevamo tutte tranne il Barça e abbiamo beccato loro. Oggi abbiamo passato il turno, vediamo cosa dirà il sorteggio, non abbiamo una preferenza".


Cuadrado: “Al Camp Nou da grandissima squadra”

Cuadrado: "Al Camp Nou da grandissima squadra"

Juan Cuadrado è stato senza dubbio tra i migliori in campo. Grande soddisfazione per l'argentino nel post partita: "Ringrazio Dio per il risultato. Siamo venuti qui con la consapevolezza di essere una grandissima squadra e sappiamo quello che è il Barcellona. Avevamo voglia, grinta e con sacrificio abbiamo meritato il risultato. Sì avevamo preparato tutto, abbiamo avuto delle chance ma non le abbiamo sfruttate. E’ importante passare il turno. Prossima partita? Quello che deciderà Dio sarà giusto".


Neymar in lacrime consolato da Dani Alves.

Commozione per Neymar dopo il fischio finale. Pianto a dirotto per il brasiliano consolato dai suoi avversari: Dani Alves, Neto e Cuadrado provano a consolare il giocatore blaugrana con un gesto di grande fair play.


Juventus in semifinale di Champions.

Juventus in semifinale di Champions

Con una prova tutta grinta e carattere gli uomini di Massimiliano Allegri hanno strappato il pass per la semifinale di Champions League. Uno 0-0 che ha spento i sogni di remuntada del Barcellona che non è riuscito a superare il muro difensivo della squadra avversaria.


Il Barça chiede un calcio di rigore.

Proteste feroci del Barcellona. Cross dalla destra di Busquets e pallone che finisce sul braccio di Alex Sandro. L'arbitro fa proseguire: Suarez scatenato contro il giudice di porta.


Ultimo cambio per la Juve: entra Asamoah per Higuain.

Esce dal campo esausto uno stanchissimo Higuain autore di una buona gara, senza gol. Entra Asamoah per i minuti finali.


Lemina sfiora il gol.

Bellissima ripartenza della Juventus. Il pallone arriva a Lemina che tenta la soluzione individuale. Conclusione sporca che finisce ad un passo dal palo alla sinistra di ter Stegen.


Entra Lemina nella Juventus. Esce un eccezionale Cuadrado.

Esce un eccezionale Cuadrado, autore di una super partita. Allegri inserisce Lemina.


ter Stegen salva tutto su Cuadrado.

Cuadrado parte tutto solo prima della metà campo e quindi non in fuorigioco. Ter Stegen e abilissimo ad anticipare il colombiano autore di una partita sontuosa.


Buffon salva la Juve.

Tiro cross dalla sinistra di Iniesta e una mancata deviazione di Mascherano non sorprende Buffon che è attento e smanaccia salvando la sua squadra. Sulla ripartenza Khedira sciupa un 2 contro 1, spedendo il pallone tra le braccia di ter Stegen


Luis Enrique inserisce Mascherano.

Cambia anche Luis Enrique: fuori un esausto Sergi Roberto match winner della sfida contro il Psg, e dentro Mascherano. Lo Jefecito giocherà al centro della difesa


Allegri cambia: entra Barzagli per Dybala.

Allegri sostituisce uno stanchissimo Dybala che saluta i suoi tifosi, e inserisce Barzagli. Si alza ancora il muro difensivo dei bianconeri


Prima occasione del match per Dybala.

Guizzo dell'argentino che tenta la soluzione individuale. La Joya prova a liberarsi di 3 avversari e concludere a giro sul palo lontano. Pallone che finisce alto sulla traversa.


Sergi Roberto, nuova limpida palla gol.

Ancora Barcellona vicinissimo al gol. Conclusione a giro dalla destra di Sergi Roberto: anche questa volta il pallone esce di pochissimo. Luis Enrique sorride amaramente in panchina.


Errore di Buffon, clamorosa palla gol per Messi.

Buffon sugli sviluppi di un corner si rende protagonista di una brutta uscita. Il pallone dalla destra finisce sui piedi di Messi che sciupa l'occasione per il primo gol in carriera al portiere italiano.


Giallo pesante per Khedira, era in diffida.

Errore banale di Alex Sandro che perde un brutto pallone. Khedira è costretto al fallo per fermare Suarez: giallo inevitabile per il tedesco che, essendo in diffida, salterà la prossima eventuale partita. Rabbia dell'ex Real nei confronti del suo compagno brasiliano


Occasione per Neymar.

Possibilità per un Neymar molto egoista. Il brasiliano vince un rimpallo a sinistra e prova a convergere. Conclusione potente e pallone altissimo. Sulla ripartenza opportunità per la Juve con un tiro deviato di Pjanic che ter Stegen devia in qualche modo in corner.


Entra Alcacer per Rakitic.

Cambio offensivo per Luis Enrique che aggiunge centimetri e forza al suo attacco. Dentro Paco Alcacer per Rakitic.


Giallo per Chiellini. Punizione pericolosa per Messi.

Chiellini costretto a fermare con le cattive al limite Suarez. Giallo per il centrale bianconero e pericolosa punizione per il Barça. Batte Messi e la sfera termina alta.


Ancora Messi, che brivido per la Juventus.

Messi è velocissimo: si gira e conclude di sinistro. Pallone che lambisce il palo con Buffon protesto il tuffo. Super intervento di Chiellini che ha sporcato la conclusione dell'avversario


Ter Stegen attento su Cuadrado.

La Juve spinge ancora a destra con Cuadrado. Il colombiano dopo una serie di finte conclude di destro sul primo palo dove ter Stegen a mano aperta protegge il suo palo.


Che giocata del Barça. Chance per Messi.

Duetto splendido tra Messi e Neymar. Il brasiliano appoggia per il compagno che conclude di prima. La sfera finisce alta sulla traversa di Buffon.


Cuadrado, Juve vicina al gol.

Azione caparbia della Juve con Higuain che conquista la sfera e apre per Cuadrado. Il colombiano sfrutta lo spazio a disposizione e conclude di destro: pallone che esce ma non di molto


Neymar, che azione. Chiellini è un muro.

Neymar prova a fare tutto da solo dribblando 4 avversari. Chiellini però riesce a far perdere il tempo con esperienza al brasiliano. Pallone sul fondo e rimessa per Buffon

Neymar, che azione. Chiellini è un muro

Al via la ripresa.

Le squadre tornano in campo. Non ci sono cambi in campo. Nel Barcellona c'è Messi nonostante il colpo al volto rimediato nella caduta post scontro con Pjanic.


Fine primo tempo: Barça-Juve 0-0.

Ritmi altissimi ma finora nessun gol al Camp Nou. Barcellona-Juventus finora si è rivelato un match molto equilibrato merito di una Juve che ha affrontato gli avversari a viso aperto. Molto nervosi i giocatori di casa.


Messi esce dal campo con un occhio tumefatto.

Messi riporta sul volto i segni della caduta post scontro con Pjanic. L'argentino è caduto malamente sbattendo con violenza il volto sul terreno di gioco. Una leggera abrasione e un occhio gonfio e quasi tumefatto per la Pulce.


Il match s’incattivisce. Giallo per Neymar, era diffidato.

Fallaccio di Neymar su Pjanic che cerca vendetta sul croato dopo un contrasto tra lo stesso juventino e Messi. Cartellino giallo per il brasiliano, che essendo diffidato salterebbe l'eventuale semifinale d'andata. Leggera ferita al volto nel frattempo per la Pulce.


Luis Enrique litiga con Allegri e il Barça non restituisce palla.

Brutto episodio al Camp Nou. Dybala spedisce il pallone fuori per permettere le cure a Mandzukic infortunato. Il Barcellona non restituisce la palla. Nel frattempo in panchina diverbio tra Luis Enrique ed Allegri per il fallo sul croato.


Entrataccia di Iniesta, primo giallo del match.

Iniesta costretto al fallo tattico per fermare Cuadrado. Un'entrataccia dello spagnolo che viene giustamente ammonito. E' il primo cartellino del match per il campione blaugrana che si scusa con il suo avversario.


Ancora Higuain, Juve pericolosa.

Riecco in avanti la Juventus. Pjanic scucchiaia alla perfezione in area per Higuain che prova ad anticipare il suo marcatore in allungo. Deviazione di punta che trova attento ter Stegen che blocca la sfera.


Buffon, parata non semplice su Messi.

Percussione di Messi che poi da posizione defilata conclude di sinistro. Tiro velenoso e deviato che Buffon devia in qualche modo. La difesa bianconera riesce poi a spiazzare.


Kuipers richiama con decisione Busquets.

I giocatori blaugrana protestano vivacemente con Kuipers per un intervento di Alex Sandro su Messi a loro giudizio irregolare. Il direttore di gara fa proseguire e richiama con decisione Busquets che era venuto a contatto proprio con il "fischietto".


Il Barça spinge forte.

Iniziativa di Iniesta che mette a sedere Chiellini che però è bravo nel deviare il cross dello spagnolo. La sfera finisce a Sergi Roberto che conclude senza trovare la porta. Juve un po' schiacciata in questa fase del match

Il Barça spinge forte

Messi ad un passo dal gol.

Messi pericolossissimo. La Pulce con un tiro rasoterra sfiora il palo alla destra di un'immobile Buffon. Occasionissima per il Barcellona che sta provando ad aumentare il pressing offensivo.


Jordi Alba, brividi per Buffon.

Invenzione di Messi per Jordi Alba dimenticato da Cuadrado. L'esterno in stirada non trova la porta. Che occasione per il Barcellona


Botta e risposta Cuadrado-Rakitic. Ritmi altissimi.

Ripartenza super della Juventus con Cuadrado che in velocità sfida la difesa avversaria. Il colombiano vede libero al centro Dybala e prova a servirlo. Gran recupero di Piqué. Sulla ripartenza tentativo dal limite di Rakitic: conclusione altissima. Non c'è un attimo di sosta e sul ribaltamento di fronte è ancora Cuadrado a rendersi pericoloso con una girata che anche in questo caso non trova la porta


Higuain, che occasione.

Ottimo atteggiamento della Juve in questo avvio di partita. I bianconeri affrontano il Barça a viso aperto. Che occasione per Higuain: il Pipita, molto attivo sfrutta un rimpallo e conclude da buona posizione. Pallone alto ma non di molto.


Che ritmi in avvio. Neymar tenta l’assolo.

Subito ritmi altissimi in avvio. Dopo una bella iniziativa di Dybala, steso da Rakitic tenta l'assolo Neymar che supera Dani Alves con un gran dribbling ed entra in area avversaria. Si chiude in maniera perfetta la difesa bianconera. Il Camp Nou è una bolgia.


Dani Alves scherza con tutta la panchina avversaria.

Curioso episodio a pochi secondi dal fischio d'avvio. Dani Alves si è avvicinato alla panchina catalana, scherzando con alcuni componenti e anche con Luis Enrique divertito per l'atteggiamento del suo ex giocatore.


#ItsTime, inizia Barça-Juve. Fischi per l’inno della Champions.

Ci siamo, anzi #Itstime. Il Camp Nou si colora con la coreografia annunciata dai padroni di casa per Barcellona-Juventus. Grande spettacolo dunque sugli spalti della casa blaugrana. Si fanno però sentire anche i 5000 sostenitori bianconeri pronti a spingere i ragazzi di Allegri all'impresa. Grande fair play tra i giocatori delle due squadre al momento dell'ingresso in campo nel tunnel. Serenità sul volto dei calciatori della squadra ospite. Fischi di tutto lo stadio per l'inno della Champions: una reazione riconducibile alle polemiche per l'arbitraggio di Real-Bayern con la direzione arbitrale pro merengues non gradita ai tifosi blaugrana. Scambio dei gagliardetti tra Iniesta e Buffon, si parte!


Juve, ultimo atto di Coppa Italia il 17 maggio in caso di finale di Champions.

I tifosi juventini sono liberi di fare i classici scongiuri, ma è arrivata l’ufficialità relativa allo spostamento della finale di Coppa Italia, in caso di qualificazione della squadra italiana alla finale di Champions a Cardiff. In caso di prosecuzione dell’avventura europea dei bianconeri, la finale di Coppa Italia inizialmente prevista per venerdì 2 giugno, verrà anticipata a mercoledì 17 maggio alle 21.

Sono stati resi noti nel frattempo i costi dei biglietti del match. 120 euro, quello intero e 60 il ridotto per le tribune Tevere e Monte Mario. Curve a 36 euro e distinti a 45. Tagliandi in vendita dalle ore 12 del 21 aprile


Le formazioni ufficiali.


Barcellona-Juventus, i giocatori diffidati.

Barcellona-Juventus, i giocatori diffidati

Nella supersfida del Camp Nou tornerà in campo Sergio Busquets. Il forte centrocampista ha saltato la gara d'andata per squalifica. Quali sono ora i calciatori in diffida che con un cartellino rischierebbero di saltare il match di ritorno? Per il Barcellona, i diffidati sono 4 ovvero Neymar, Suarez, Rakitic e Piqué. 3 invece i giocatori a rischio per la squadra di Allegri, ovvero Khedira, Mandzukic e Cuadrado.


Dove vedere Barça-Juve.

Barcellona-Juventus ritorno dei quarti di finale della Champions League, verrà trasmessa in diretta tv a partire dalle 20.45 in chiaro su Canale 5. Una buona notizia per tutti gli appassionati che hanno potuto già giovare della sfida d’andata senza restrizioni di abbonamento Mediaset. Il match sarà comunque visibile integralmente e in diretta anche su Premium Sport HD  per gli abbonati in diretta streaming attraverso Premium Play


Messi vs Dybala, atto secondo.

Messi vs Dybala, atto secondo

Il confronto tra Messi e Dybala è sicuramente la ciliegina sulla torta di Barcellona-Juventus. All’andata ad imporsi è stato senza dubbio il più giovane tra i due con una doppietta da urlo che ha annichilito la Pulce. Quest’ultimo però stasera vuole prendersi la rivincita e magari segnare il primo gol della carriera a Buffon per festeggiare i 500 gol in maglia blaugrana. 45 le reti segnate in stagione, di cui 11 in champions contro le 16 segnate dal giovane connazionale (8 in Champions). Una sfida nella sfida da urlo che i tifosi bianconeri sperano si risolva con una nuova consacrazione per Dybala “premiato” dopo la gara d’andata con un super rinnovo.


Curiosità e statistiche di Barça-Juve.

Il 3-0 dello Juventus Stadium ha equilibrato il bilancio nei precedenti tra le due squadre. 3 vittorie a testa con 2 pareggi e 10 gol segnati da entrambe le formazioni. La Juventus può contare sulla miglior difesa della Champions con soli due gol subiti nelle ultime 7 partite. Il Barcellona, davanti al proprio pubblico ha un ruolino di marcia notevole: 15 i successi consecutivi in casa, praticamente tutte le sfide disputate al Camp Nou. A far ben sperare in casa Juventus è proprio il dato relativo all’ultima eliminazione ai quarti contro un’italiana per i catalani che nel 2002/2003 si arresero proprio alla Juve (1-2, gol vittoria ai supplementari di Zalayeta). Il bilancio complessivo dei blaugrana in casa contro le formazioni di Serie A è di 14 vittorie, 5 pareggi e 2 sconfitte. Per la Vecchia Signora si tratta del 17° quarto di finale di Coppa dei Campioni che ha un bilancio di 11 vittorie e 5 sconfitte. In questa edizione inoltre i bianconeri hanno vinto tutte e 4 le partite esterne disputate, ultima quella in casa del Porto.


La spavalderia di Luis Enrique, contro il pragmatismo di Allegri.

Un Allegri come sempre pragmatico che ha preferito non fare percentuali come il grande ex Dani Alves che ha parlato di 60% di possibilità per i bianconeri. Testa bassa e pedalare per una Juve che “giocherà per vincere”. Atteggiamento sereno e spavaldo invece per Luis Enrique che ha compattato tutto l’ambiente spiegando che il suo Barcellona può fare “5 gol, 3 in 3’”. Una cosa è certa, se l’attacco blaugrana è capace di qualsiasi impresa, la difesa bianconera è di ben altra pasta rispetto a quella del Psg. Parola al campo, ora con il pubblico di casa che si prepara a rivestire i panni del 12° uomo in campo nel tentativo di spingere i blaugrana all’impresa già con una coreografia da urlo


Il Barça sogna la remuntada, ma la Juve non è il Psg.

E’ la notte di Barcellona-Juventus, è la notte di una delle sfide più intriganti della stagione. In un Camp Nou incandescente è tempo di decidere chi tra la squadra di Luis Enrique e quella di Allegri accederà alle semifinali di Champions League dove ad attenderla ci saranno le due squadre di Madrid e la vincente del confronto tra Monaco e Dortmund. I bianconeri partono ovviamente favoriti in virtù del 3-0 rimediato all’andata, ma la remuntada del Barça contro il Psg è un precedente che parla chiaro. Ai padroni di casa serviranno 4 gol, senza subirne per conquistare gli ottavi, altrimenti dovranno vincere con 4 gol di scarto. Le parole di Allegri d’altronde sono state la fotografia perfetta del match: sarà come partire da 0-0.