Il Real Madrid batte l'Athletic Club di Bilbao e si porta temporaneamente a più cinque sul Barcellona. I blancos vincono un match difficile su un campo tradizionalmente solido e conquistano un vantaggio importante nel rush finale per la vittoria del campionato. Ma Zidane dovrà registrare qualcosa in difesa, andata in sofferenza troppe volte e che già contro il Napoli aveva dato segni di cedimento.

Senza Pepe e Varane, Zidane lancia Nacho dal primo minuto. Confermati invece i titolarissimi, tra cui Benzema, Cristiano Ronaldo e Bale. Dopo un gol annullato al portoghese per fuorigioco, al venticinquesimo minuto, il Real Madrid sblocca il match: azione che parte dalle retrovie, lancio lungo da centrocampo a cercare l'inserimento di Cristiano Ronaldo dalla destra, traversone basso al centro per Benzema che colpisce di prima e porta in vantaggio i blancos. Il San Mamés diventa una bolgia, ed i baschi provano l'assedio che però non porta risultati nella prima frazione di gioco.

Bisognerà aspettare il secondo tempo per vedere azioni pericolose da parte dei baschi: prima Inaki Williams si divoa il gol del pareggio, poi arriva la rete del momentaneo uno a uno, quando su azione insistita dell'Athletic Club, arriva la sponda di Garcia per il colpo di testa di Aduriz, che a due passi da Keylor Navas non sbaglia facendo esplodere la gioia dei tifosi di casa, sempre caldissimi soprattutto quando l'avversario è il Real Madrid rivale di sempre. Ma l'entusiasmo per il pareggio dura soltanto quattro minuti: il Real Madrid si riporta infatti repentinamente in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d'angolo dalla sinistra battuto da Cristiano Ronaldo, oggi in versione assist-man. Palla al centro per Sergio Ramos che sfiora di testa, sulla palla arriva Casemiro che poi insacca senza problemi a porta praticamente sguarnita. Fa festa il Real Madrid, ma in vista del Bayern Monaco bisognerà registrare qualcosina in difesa.