Lionel Messi è un vero demonio. L'argentino rifila una tripletta all'Espanyol nel derby di Barcellona e porta i suoi in testa alla classifica della Liga con 9 punti a +4 da Real Madrid e Atletico, che nel pomeriggio non sono andate oltre un pareggio contro Levante e Valencia. A chiudere definitivamente i giochi ci pensano Gerard Piqué e Luis Suarez. Esordio con la maglia blaugrana per Ousmane Dembelé.

Il Barcellona ha sempre avuto il controllo del gioco e ha rischiato pochissimo durante tutta la gara: possesso palla e velocità negli ultimi metri hanno permesso ai ragazzi di Ernesto Valverde di chiudere i giochi già nella prima frazione. Ottime prestazione di Jordi Alba e Ivan Rakitic, che sembrano tornati sui loro standard, e Sergio Busquets, uomo insostituibile per questa squadra.

Tripletta di Messi: Espanyol ko.

Il Barça prende il mano il gioco sin dalle prime battute e fa correre il pallone da destra a sinistra con la solita facilità: i catalani per cercare la porta provano sempre a coinvolgere Lionel Messi negli ultimi 16 metri, l'uomo più in forma insieme a Jordi Alba. Al 26′ l'argentino, in posizione di off-side, riceve palla da Rakitic e, dopo aver controllato il pallone e saltato David Lopez, trafigge l'incolpevole Pau Lopez. Il numero 10 del Barça con un tocco magnifico ferma il pallone servitogli dal compagno e dribbla l'ex Napoli con una facilità disarmante prima di insaccare sotto la traversa la rete del vantaggio.

Al minuto 35 arriva il raddoppio: Messi inizia e conclude l'azione dopo un tocco da sinistra di Jordi Alba e fa terminare il pallone per la seconda volta alle spalle di Pau Lopez. Trema la porta di ter Stegen al 43′ quando Piatti centra il palo alla sinistra del portiere tedesco dopo un ottimo stop ma il Barcellona se la cava egregiamente in uscita e il pericolo è alle spalle.

Ad inizio ripresa non succede molto, con il Barça in controllo e l'Espanyol che prova a dare fastidio alla difesa catalana, fino al 65′ quando la Pulce infila la sua tripletta personale ancora su assist di Jordi Alba.  Cinque reti in tre gare per il fuoriclasse argentino che sembra in forma smagliante nonostante le due gare opache con la Seleccìon Argentina. Decima doppietta da marzo per il numero 10 del Barça: numeri  sempre più impressionanti per Lionel Messi.

La chiudono Piqué e Suarez: 5-0.

Cala, definitivamente, il sipario sulla partita con le reti di Gerard Piqué e Luis Suarez che negli ultimi minuti portano a 5 le segnature del club catalano: il difensore centrale ha messo la sua firma sulla gara con un colpo di testa su azione d'angolo mente il Pistolero rifinisce un assist di Dembele.

La prima volta di Dembele.

Al minuto 68 è arrivato l'esordio con la maglia culé per Ousmane Dembélé, l'acquisto più costoso della storia del Barcellona: le aspettative sono tante intorno a questo ragazzo francese del 1997 ma il Nou Camp deve pazientare e attendere l'ambientamento e la crescita. Le qualità ci sono ma parlare di "erede di Neymar" è prematuro.

Verso la Champions, Juve attenta a Leo.

9 goal fatti e 0 subiti in 3 gare di Liga. Questo è il biglietto da visita con cui il Barcellona si presenta di fronte alla Juventus per la prima sfida di Champions League. La squadra di Valverde ha mostrato una buona forma fisica ma in fase difensiva non ha brillato ed è lì che la squadra di Allegri potrebbe colpire. L'uomo da tenere sotto controllo è, come al solito, Lionel Messi: 5 reti  in 3 gare e una forma fisica davvero notevole. L'argentino sta bene e si diverte: la difesa della Juventus dovrà stare molto attenta.