La rabbia e la delusione per l'esonero di Claudio Ranieri, è ancora viva in tutti i tifosi del Leicester. La decisione della dirigenza di allontanare il tecnico romano, capace pochi mesi fa di regalare un sogno a tutto il popolo delle "Foxes", non è ancora stata digerita e da molte parti viene ancora aspramente criticata. L'ultimo in ordine di tempo ad entrare in tackle sulla società delle volpi è stato Eric Cantona. L'ex attaccante dello United, oggi attento osservatore di tutto ciò che accade in Premier League, ha infatti sparato a zero contro i giocatori e chi ha deciso l'esonero di Ranieri: "C’era una volta un mago che aveva trasformato un gruppo di giocatori di seconda categoria in campioni gloriosi – ha dichiarato il francese nella sua rubrica ad Eurosport – Con l'arrivo delle prime nuvole, però, questi marmocchi ingrati hanno cospirato affinché il mago andasse via. Hanno fatto di tutto per cacciarlo. Traditori".

L'affetto commovente dei tifosi inglesi.

Salutato con affetto da tutta la tifoseria e anche dalla stessa stampa britannica, anch'essa spiazzata dalla scelta di lasciarlo a casa, Claudio Ranieri ha così incassato le belle (e taglienti) parole dell'ex icona del calcio transalpino: "Il Leicester è oggi diciassettesimo, esattamente dove dovrebbe essere un club che non ha nulla di glorioso – ha continuato e concluso Cantona – La società ha cacciato come un cane pieno di pulci l’unico allenatore che è riuscito a vincere qualcosa di importante nell’insignificante storia di questo club". In attesa di capire se davvero sarà servito a qualcosa licenziare "King Claudio" (il primo responso lo avremo nel ritorno di Champions League), l'ex manager delle "volpi" continua a ricevere attestati di stima da tutta l'Inghilterra e, ovviamente, anche dall'Italia stessa. Un affetto che lo stesso tecnico non si aspettava: "Le reazioni all'esonero e ciò che è successo dopo mi hanno commosso".