Il Napoli è volato a Madrid e con sé ha portato migliaia di tifosi partenopei pronti a vivere il sogno di sfidare il Real Madrid al Bernabeu. Una partita impari, di un divario tecnico evidente che dovrebbe veder trionfare i blancos senza problemi su un Napoli che comunque arriva nel miglior momento della stagione. Ma per coltivare tutte le speranze e trovare le motivazioni necessarie per reggere il confronto il presidente De Laurentiis ha voluto avere con sè nello stadio madridista ospiti di eccezione che potrebbero dare un ‘quid' ulteriore all'ambiente azzurro. Da Diego Armando Maradona al possibile futuro presidente di Lega, Walter Veltroni fino ai protagonisti di "The Young Pope", mini serie televisiva già divenuta un cult, prodotta da Paolo Sorrentino e intrerpretata tra gli altri, da Silvio Orlando, due napoletani doc, invitati al match.

The Young Pope tifa Napoli – Mertens, Reina, Callejon avranno dei compagni di viaggio molto particolari in vista del Real Madrid. Non in campo, perché a giocare ci dovranno pensare gli uomini di Sarri, ma il clima di una accesa "napoletanità" pronta ad invadere la capitale spagnola e provare a incutere se non timore, almeno il massimo rispetto, il patron de Laurentiis lo ha fatto assaporare sin da subito. Tutto è iniziato nella giornata di ieri quando a Castel Volturno sono arrivati Silvio Orlando (il Cardinal Voiello) e Marcello Romolo (Don Tomaso), reduci dal successo di “The Young Pope”.

Maglie e telefonini azzurri – Un incontro che si è protratto con il vice presidente  Edoardo De Laurentiis e Cristiano Giuntoli, con il classico dono delle maglie personalizzate e poi con mister Sarri e la squadra, dove è avvenuto un particolare siparietto col bomber azzurro Arek Milik, ancora convalescente, che ha regalato a Silvio Orlando la sua cover del telefonino autografata.

A Madrid, insieme al Pibe – Insieme a loro c'era anche il produttore e regista napoletano della serie, Paolo Sorrentino. Che insieme a Orlando ha poi raggiunto oggi Capodichino per involarsi verso Madrid, ospiti vip al Bernabeu sponda Napoli. Fervidi tifosi azzurri, nessuno si è sbilanciato sul pronostico, per pura scaramanzia, limitandosi a sognare a occhi aperti per una gran partita contro il Real alBernabeu. Dove troveranno il terzo elemento voluto da De Laurentiis, Diego Armando Maradona, nelle vesti oggi di capo tifoso e domani – risolti i problemi con il fisco – da ambasciatore.