Mercoledì prossimo la Juventus scenderà in campo a Barcellona, dove lo scorso aprile strappò uno 0-0 (che unito al 3-0 dell’andata) portò i bianconeri in semifinale di Champions. La musica potrebbe essere diversa al Camp Nou, perché tante cose sono cambiate per entrambe le squadre. Neymar non c’è più e Allegri dispone di un Dybala stellare, che sta attraversando un momento straordinario. Il tecnico livornese deve però fare i conti anche con tante assenze.

Chiellini prova a recuperare il Barcellona.

Ha grossi problemi a centrocampo il tecnico più ricco della Serie A, che probabilmente ha tanti dubbi in difesa. Perché Allegri ancora non sa se giocherà Giorgio Chiellini. Il difensore si è infortunato pochi giorni fa e sta correndo per recuperare dal problema muscolare. Chiellini se ci sarà farà coppia con Barzagli, in caso contrario Benatia e il neoacquisto Howedes si giocheranno il posto. Il tedesco, con il senatore juventino disponibile, potrebbe essere dirottato sulla fascia destra, perché Lichtsteiner è stato escluso dalla lista Champions e De Sciglio non dà grande affidabilità. Sull’altra fascia ci sarà Alex Sandro.

Centrocampo decimato.

Marchisio tornerà se tutto va bene a fine mese, Khedira, infortunatosi con la nazionale, non sarà rischiato. Allegri ora ha poche alternative in mediana e se sarà ancora 4-2-3-1 in mezzo al campo ci saranno Pjanic e Matuidi, che ha un ricordo pessimo del Camp Nou, l’ultima volta ci ha perso 6-1 con il PSG. In panchina Sturaro e Bentancur, gli altri centrocampisti disponibili.

Mandzukic in dubbio, Cuadrado squalificato.

Non sarà della partita sicuramente Cuadrado. Il colombiano fu espulso negli ultimi minuti della finale di Cardiff e deve scontare un turno di squalifica. Douglas Costa scalpita e prenderà il suo posto. Mentre non è al meglio, ma ci sarà sicuramente Mario Mandzukic, uscito malconcio contro il Chievo per colpa di un problema al polpaccio, ma che non mollerà la sua squadra. Non si toccano naturalmente Higuain e Dybala, che sfiderà il compagno di nazionale Leo Messi, che con l’addio di Neymar sembra ringiovanito e sta nuovamente segnando a raffica.