Tutti lo cercano, molti lo vogliono ma solo la Juventus ce l'ha e se lo tiene stretto: è Paulo Dybala che veste il bianconero e che probabilmente lo farà almeno per un'altra stagione. Le sirene di calciomercato non hanno sortito il loro effetto e non hanno trascinato la Joya lontano dalla Juve, anzi. Il ‘pericolo' spagnolo di Real Madrid e Barcellona ha permesso alla società campione d'Italia di affinare il felling con l'argentino: massima considerazione, al centro del progetto tecnico di Allegri e nuovo numero di maglia, il '10'.

La scelta della Juventus.

Paulo Dybala è oramai sempre più al centro dell'universo Juventus, alla faccia delle insistenti voci di calciomercato che lo vedrebbero proiettato in Spagna per giocare nella Liga o con la maglia del Real Madrid o con quella del Barcellona del dopo Neymar. Invece, l'argentino resterà a Torino, sponda bianconera. Sarà infatti proprio la ‘Joya' a indossare la maglia che al momento era ancora senza proprietario. La numero 10, la più prestigiosa, che dopo l'addio di Paul Pogba un anno fa non aveva può avuto un ‘custode'.

Dalla 21 alla 10, Dybala si prende la Juve.

Una maglia che nel mondo del calcio rappresenta tutto e anche in quello bianconero è stata sulle spalle di chi ha scritto la storia o ha comunque contribuito a farlo. Sivori, Platini, Baggio, Del Piero. E ultimamente Tevez prima e Pogba poi. Adesso Dybala, ultimo virgulto dell'epopea bianconera lanciata verso il settimo tricolore consecutivo. Un segnale forte, da parte della Juventus. Lo stesso argentino ha giocato l'ultima stagione con l'amato 21, ma questo segnale rivela come la Juve sia intenzionata a fare di Dybala l'uomo chiave per un futuro pieno di successi.

Addio Spagna, Real e Barça puntano altrove.

Le ultime notizie di calciomercato avevano già comunque allontanato Dybala dalla Spagna. Il Real Madrid da tempo sta pensando ad altri acquisti: Mbappè in primis, la stella diciottenne del Monaco che potrebbe sbarcare in Blanco negli ultimi giorni disponibili. Anche il Barcellona è su altri obiettivi primari: Coutinho, Verratti, Di Maria. Per Dybala si è spenta la luce e per la Juventus va bene così