La Juventus ha riconquistato la vetta della classifica di Serie A, grazie ad una perla del suo uomo-simbolo Alessandro Del Piero. Il capitano bianconero nel finale ha battuto il super Marchetti con un gran calcio di punizione permettendo alla propria squadra di superare una Lazio arcigna e cinica.

La Juventus domina ma la Lazio tiene botta – Primo di tempo di marca bianconera con il portiere della Lazio Marchetti migliore in campo. Gli uomini di Conte, assolutamente padroni del campo, dopo alcune occasioni capitate a Quagliarella e sventate dall’estremo difensore laziale, hanno trovato il vantaggio intorno alla mezz’ora. Cross millimetrico di Pirlo e Pepe, dopo aver stoppato il pallone ha segnato il gol dell’1 a 0 in acrobazia. La Juventus  ha continuato a spingere sfiorando il gol prima con Vidal da centrocampo e poi con Quagliarella: in entrambe le circostanze ancora un super Marchetti ha detto no ai bianconeri. Bravissimo anche Diakitè a salvare sulla linea un tiro a botta sicura di Vucinic. Nel finale però la Lazio ha trovato l’inaspettato pareggio con Mauri abile di testa a sfruttare un atteggiamento non proprio irreprensibile della difesa juventina.

Get Adobe Flash player

addCustomPlayer(‘7k98bibdkjsw1vyg2azz2sqx8', ‘b1594a53-e247-4379-b50f-6e97f6681e42', ‘1smxgbm7ew3hd16ue5j049o3ym', 640, 580, ‘perf7k98bibdkjsw1vyg2azz2sqx8-1smxgbm7ew3hd16ue5j049o3ym', ‘eplayer16');

Del Piero regala il successo alla Juventus – Nella ripresa il copione non è cambiato con i padroni di casa all’assalto e i biancocelesti a difendersi. A parte un’ottima occasione per uno spento Vucinic al 51°, i bianconeri non sono riusciti a creare particolari grattacapi alla difesa avversaria. Nel finale però a risolvere il match ci ha pensato l’immenso Alessandro Del Piero che alla 700a partita con la maglia della Juventus ha regalato il primato alla propria squadra: il tutto con il suo pezzo forte, il calcio di punizione. Il capitano pochi metri fuori dall’area capitolina ha disegnato una traiettoria beffarda che si è insaccata nell’angolino alla destra di Marchetti. Nonostante le schermaglie finali, e l’espulsione per proteste di Reja e Kozak (doppio giallo) il risultato non è cambiato con i bianconeri che hanno scavalcato nuovamente il Milan in vetta alla classifica.

Il tabellino di Juventus-Lazio 2-1

Reti: 30′ Pepe (J), 45′ Mauri (L), 82′ Del Piero (J)

Juventus (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Chiellini; Vidal (80′ Giaccherini), Pirlo, Marchisio; Pepe (72′ Matri), Quagliarella, Vucinic (73′ Del Piero).

In panchina: Storari, Caceres, De Ceglie, Borriello. All. Conte.

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Scaloni, Diakitè, Biava, Garrido; Cana, Ledesma; Gonzalez (81′ Brocchi), Mauri (72′ Hernanes), Candreva; Rocchi (74′ Kozak).

In panchina: Bizzarri, Zauri, Matuzalem, Alfaro. All. Reja.

Arbitro: Antonio Damato (sez. Barletta);

Assistenti: Stefani, Faverani;

IV Uomo: Orsato.

Note: allontanato l'allenatore della Lazio Edy Reja per proteste al minuto 90. Espulso Kozak al minuto 91 per somma di ammonizioni. Ammoniti Diakitè (L), Biava (L), Lichtsteiner (J), Chiellini (J), Mauri (L), Quagliarella (J), Ledesma (L).