Se dovesse arrivare lo scudetto domenica con il match in casa contro il Crotone per diversi giocatori della Juventus sarebbe l'ennesima gioia tricolore visto che per molti non è una novità, anzi. Il leader indiscusso è ovviamente Gianluigi Buffon che potrebbe festeggiare il suo ottavo titolo in Serie A, primatista assoluto di una squadra che con l'era Conte non ha perso il vizio di arrivare prima e mettere tutti gli avversari in fila. Ma c'è anche chi è a una incollatura del numero uno bianconero: Leonardo Bonucci. Che festeggerebbe il suo personale settimo scudetto, sei juventini e uno nerazzurro: quello contestato 2005/06 assegnato a tavolino dalla Figc per lo scandalo Calciopoli quando il centrale difensivo militava nell'Inter.

Un tricolore di troppo – La curiosità è se Leonardo Bonucci festeggerà il suo settimo o il suo sesto tricolore. Perché la stagione 2005/06, che aprì Calciopoli, venne data a tavolino ai nerazzurri con critiche e polemiche ancor oggi accese soprattutto del mondo juventino. In quella rosa c'era anche l'attuale leader della difesa bianconera, un idolo del popolo che tifa Juventus e che non ha mai considerato quel tricolore di marca interista. Dunque, se Bonucci dovesse elencarlo nel proprio palmares raggiungerebbe deimiti assoluti come Scirea, Maldini, Ferrara, Costacurta e Bettega ma incorrerebbe negli strali dei propri tifosi.

Buffon, a quota 8 – Chi, invece, non ha problemi di sorta e festeggerebbe il suo ottavo scudetto è Gianluigi Buffon che entrerebbe nel gotha juventino di sempre. Il numero uno della Juventus e della Nazionale balzerebbe in testa insieme ad altri juventini leggendari del passato come Furino, Ferrari e Rosetta, tutti vincitori di otto Scudetti, senza contare, ovviamente, i due tolti dalla Figc per lo scandalo di Calciopoli sempre rivendicati dalla Juventus ma mai riconsegnati nelle mani bianconere.