Ottanta milioni di euro. E' la somma al di sotto della quale il Psg nemmeno è disposto ad accomodarsi a tavolino per discutere dell'eventuale cessione di Marco Verratti, legato ai francesi da un contratto fino al 2021. Scadenza lontana, costo elevato di pari passo alla crescita esponenziale del calciatore che a Parigi è una pedina chiave del centrocampo e in Azzurro rappresenta il futuro della Nazionale di Ventura diretta verso il Mondiale di Russia 2018.

Verratti nel mirino della Juventus.

La Juventus ha messo gli occhi sul calciatore da tempo e nello scorso week-end, prima della gara di campionato col Pescara, lo staff bianconero – come riferito da Gazzetta – s'è intrattenuto a cena col suo procuratore, Di Campli: che Verratti possa lasciare la Francia non è un'opportunità così remota ma quella del Psg è bottega cara che non lascerà partire il giocatore a buon mercato a causa anche di un precedente che non depone a favore della ‘vecchia signora' (Coman soffiato a costo zero).

La pressione mediatica in Francia.

Sotto la Torre, polemiche a parte (tutte scaturite dal mortificante 6-1 di Barcellona in Champions), l'ex Pescara resta un beniamino per i tifosi ma nel centro del mirino della critica: L'Equipe ha dovuto smentire la notizia trapelata a poche ore dalla disfatta in Coppa, non era vero che alla vigilia della gara Verratti era stato fino a tarda ora in un locale assieme ad altri compagni di squadra. Ciò non allevia l'eccessiva pressione mediatica sul giocatore che nelle scorse settimana era stato messo alla gogna perché scovato a fumare una sigaretta durante un party con amici.

Qual è il rapporto di Verratti coi compagni di squadra?

Buono, a giudicare anche dal modo in cui lui stesso ne parla su goal.com dove svela qualche vezzo di alcuni calciatori: il portiere, Trapp, beve molto caffè "anche otto o nove al giorno", rivela l'abruzzese. Di Meunier, invece, apprezza la grande capacità di chiudere in recupero sugli avversari: "Scherzando gli dico spesso che corre come un cavallo perché ha realmente un grande passo".

"Thiago Silva migliore difensore al mondo con Ramos"

"E’ uno dei due migliori difensori al mondo insieme a Sergio Ramos", così Verratti parla in maniera entusiasta di Thiago Silva, l'ex centrale del Milan e colonna della Seleçao. Perché lo reputa così forte? E' presto detto… "Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci pure sono forti ma hanno bisogno l’uno dell’altro, mentre Thiago Silva può essere comunque forte anche da solo".

"Marquinhos gran ballerino"

Nel cuore della difesa del Psg accanto a Thiago Silva c'è un'altra vecchia conoscenza del calcio italiano. E' Marquinhos, l'ex della Roma che compone un tandem sudamericano con l'ex milanista. Giudizio lusinghiero anche per lui e poi la rivelazione: "Ho un ottimo rapporto con lui perché è un eccellente ballerino".