in foto: La stretta di mano tra i vicepresidenti di Juve e Barça Nedved e Mestre

L’urna di Nyon ha regalato un’intrigante Juventus-Barcellona. Il sorteggio dei quarti di finale di Champions non si è rivelato fortunato per i bianconeri che sperano di prendersi la rivincita dopo la finale della stagione 2014/2015 vinta dai blaugrana. Se in casa Juve c’è grande attesa per la sfida contro i campioni di Spagna, in casa catalana hanno esternato grande rispetto per i prossimi avversari bianconeri. Il vicepresidente del Barcellona presente nella sede svizzera dell’Uefa ha dichiarato ai microfoni di Mediaset Premium: “Affronteremo una società storica con un a grande tradizione, due anni fa ci giocammo contro in finale di Champions. PSG? Abbiamo dimostrato che nel calcio può accadere di tutto, in pochi credevano alla nostra rimonta".

In occasione della sfida contro i bianconeri, i dirigenti blaugrana potranno vedere da vicino quel Massimiliano Allegri che rientra tra i candidati a raccogliere l’eredità di Luis Enrique: “Non abbiamo ancora scelto alcun candidato per la sostituzione. Allegri? E' un grande allenatore ma è presto per parlare di questo, dobbiamo giocare altre partite importanti". E ci sarà anche l’incontro con il grande ex Dani Alves che per la prima volta ritroverà da avversaria la sua ex squadra: “Dani Alves? Siamo felici del suo ritorno a Barcellona, non vediamo l'ora di riabbracciarlo".

Il direttore sportivo del Barça invece è soddisfatto dell’esito del sorteggio dei quarti di finale che ha permesso a Messi e compagnia di evitare ostacoli considerati più duri, ovvero Atletico Madrid o Real: “La Juventus è una delle migliori squadre d'Europa, volevamo evitare un derby contro l'Atletico Madrid o il Real. Il fatto di giocare la gara di ritorno in casa sarà un bel vantaggio: all'andata non dovremo però commettere errori, non possiamo sempre sperare di rimontare".

Molto ottimista la stampa spagnola. Il Mundo Deportivo considera la sfida “appassionante” sottolineando la bellezza della sfida garantita dai tanti campioni presenti in campo come Higuain, Buffon, e il nuovo confronto tra Chiellini e Suarez. Sport invece definisce la Juve “battibile”, affermando in linea con Soler che al Barcellona è andata bene perché ha evitato i derby.