Battere il Barcellona a Torino è stato un passo enorme nella corsa alla Champions da parte di una Juventus che questa sera deve completare l'opera al Camp Nou. Un compito delicato ma non impossibile che da un punto di vista tecnico metterà di fronte due squadre votate all'attacco e farcite di grandi campioni. Ma i bianconeri hanno anche altre motivazioni che li spingono verso la semifinale, oltre al prestigio di un risultato sportivo unico: quelle economiche. Da un punto di vista di incassi, infatti, già così la stagione bianconera in Europa è da record ma se si dovesse compire il miracolo di arrivare fino a Cardiff, la Champions varrebbe oltre 110 milioni di euro.

10 milioni in palio – Per arrivare al bottino pieno, bisogna superare le tappe obbligate tra cui l'approdo in semifinale. In questo senso la gara del Camp Nou di questa sera non è da sbagliare. In palio ci sono 10 milioni di euro, che andrebbero a rimpinguare il già corposo incasso bianconero in Champions League, che è quantificato in circa 87,5 milioni di euro, considerando i soli premi e non quindi gli incassi dal botteghino.

Record d'incassi – Contro il Barcellona in ballo c'è il prestigio della seconda semifinale di Champions nelle ultime 3 stagioni ma anche ulteriori 10 milioni di euro che arrivano dal bonus per la semifinale (7,5 milioni) e dalla seconda parte del market pool (2,25 milioni di euro). Il totale, in caso di approdo in semifinale, arriverebbe così a 97,2 milioni di euro e diverrebbe un record assoluto per i bianconeri. Nella stagione 2014/15, quando la squadra di Allegri si fermò in finale battuta dal Barcellona, infatti l'entrata complessiva non toccò i 90 milioni (89,1).

115 milioni in totale – In caso di superamento anche della semfinale, l’incasso minimo per i bianconeri sarebbe di 109,3 milioni di euro in caso di sconfitta a Cardiff. Se la Juventus riuscisse anche ad alzare la coppa, i bianconeri guadagnerebbero 113,7 milioni di euro, da reinvestire ovviamente in un mercato estivo da sogno.