Un tormentone di calciomercato che poi si è concluso con un nulla di fatto: Ivan Perisic, il laterale croato nerazzurro è rimasto all'Inter. Più per volontà della società che per quella del calciatore che aveva già assaporato l'idea di vestire la maglia di qualche club inglese. Soprattutto in Premier League, infatti, si erano mobilitati per strapparlo alla corte di Suning: Chelsea e Manchester United in primis, con Josè Mourinho e Antonio Conte a fare i diavoli a quattro per averlo in rosa. Alla fine, l'Inter ha resistito alle lusinghe economiche non indifferenti, alzando il prezzo in modo tale da raffreddare le volontà avversarie. E oggi, Perisic è un punto fisso del nuovo progetto di Luciano Spalletti e nel suo nuovo contratto, appena rinnovato, c'è anche una clausola plurimilionaria da 70 milioni di euro.

Clausola da 70 milioni di euro.

L'ultima indiscrezione – riportata dal giornale sportivo Tuttosport – è quella di una super clausola anche per Ivan Perisic. Dopo aver rischiato di perderlo in estate, l'Inter sembra aver deciso di sottoscrivere un rinnovo con un ‘lucchetto' da 70 milioni di euro. Tanti sono i soldi che dovranno versare le eventuali pretendenti alla riapertura del calciomercato per strappare il croato da Milano. Una prova di forza di Suning che continua dopo quelle dimostrate durante il calciomercato.

Manchester e Chelsea a bocca asciutta.

Su Perisic c'erano Manchester e Chelsea, con proposte da 40 milioni di euro. Molti avrebbero accettato, l'Inter no. Suning ha mostrato il pugno di ferro sia con il giocatore che con gli altri club. Per Perisic necessitavano almeno 60 milioni di euro altrimenti nessuno lo avrebbe acquistato e così è stato. Il giocatore ad inizio estate aveva provato a ‘sganciarsi' dall'Inter ma nessun tentativo è arrivato a buon fine.

Il ruolo di Luciano Spalletti.

Luciano Spalletti ha avuto il suo ruolo preciso nella vicenda, rischiando di ritrovarsi un separato in casa, un problema serio in una stagione fondamentale per il rilancio assoluto, un rischio non calcolato che però il tecnico toscano ha deciso di correre. Vincendo subito la propria scommessa personale perché già dalle prime battute, Perisic si è dimostrato pronto e motivato per dare il classico contributo al gruppo. Spalletti è riuscito a motivarlo di nuovo, recuperando un giocatore top, che sin dalla prima giornata ha permesso all'Inter di vincere.

Perisic, top player europeo.

Il classico acquisto interno, un elemento che anche in base al rendimento della scorsa stagione potrà contribuire ancor più al rilancio interista. Perisic è stato un elemento fondamentale sia con de Boer che con Pioli, si è calato nella parte di uomo assist e incursore di fascia tra i migliori del nostro campionato e malgrado il pessimo anno dell'Inter, la scorsa stagione è riuscito comunque a conquistare la fiducia di tutti ed estimatori in mezza Europa.