Alla terza, l'Inter non può fallire. Bene, anzi benissimo le prime due giornate con altrettante vittorie, di prestigio. A San Siro contro la Fiorentina dell'ex Pioli e all'Olimpico contro la Roma dell'ex Spalletti. Sei punti pesantissimi che dovranno diventare 9 domenica pomeriggio alla conclusione del lunch match contro la neopromossa Spal. Una formazione tecnicamente inferiore ma che rappresenta la classica buccia di banana da evitare. Spesso, in passato, proprio nelle sfide alle piccole, i nerazzurri hanno evidenziato carenze di carattere. Ma Spalletti è certo che la ripresa del campionato rivedrà l'Inter protagonista, con Karamoh in campo dal primo minuto.

Inter, contro la Spal solo un risultato.

Non è ufficiale, il tecnico toscano ci sta lavorando sopra da qualche giorno e nelle prossime 48 ore varerà la sua idea di undici ideale anti Spal. Resterà fedele al modulo, il 4-2-3-1 con Mauro Icardi in strepitosa forma, unico terminale offensivo davanti al classico tridente trequartista che potrebbe annoverare delle novità. Al centro, sarebbe confermato Joao Mario e le sue geometrie mentre sulla fascia sinistra spazio a Perisic, fresco di rinnovo fino al 2022.

Spalletti verso il turno di riposo a Candreva.

La novità è rappresentata sulla fascia destra dove Spalletti starebbe maturando un turno di riposto per Antonio Candreva, cursore instancabile ma anche reduce dagli impegni con la Nazionale italiana. Al suo posto, il neo acquisto del Caen, Yan Karamoh che potrebbe così fare il proprio debutto dall'inizio, a San Siro davanti a 55 mila tifosi che saranno presenti allo stadio. Proprio lui rappresenterebbe dunque, la più ghiotta novità dell'Inter con la Spal.

Karamoh jolly trequartista.

Karamoh rappresenta il classico investimento di mercato da far fruttare sul campo e Spalletti è pronto a lavorarci da subito. La Spal, non avversario improponibile, potrebbe essere un primo reale test per l'ex Caen che dietro alla prima punta può ricoprire tutti i ruli da trequartista. Con Perisic in formato top, in panchina resterebbe Candreva che deve vedersela quest'anno anche con la concorrenza di Cancelo, che al momento è ancora convalescente.

La probabile formazione anti Spal.

Spalletti manterrà comunque il consueto 4-2-3-1, un modulo che fino ad oggi gli ha dato garanzie sia in precampionato, sia nelle prime due uscite vincenti. In difesa, sarà totalmente recuperato Miranda che farà reparto centrale con Skriniar mentre sulle fasce opereranno D'AmbrosioDalbert, che prenderà il posto di Nagatomo. A centrocampo un turno di riposo per Vecino con coppia di playmaker Borja Valero e Gagliardini. Dietro all’unica punta Icardi, dovrebbero scendere in campo Karamoh, Joao Mario e Perisic