La dirigenza cinese dell’Inter fa sul serio. Nella prossima sessione di trattative la società nerazzurra tornerà a fare la voce grossa sul mercato grazie ad investimenti record con l’obiettivo di rendere ulteriormente competitiva una rosa che dovrebbe essere guidata ancora da Stefano Pioli. E’ quanto è emerso dal vertice andato in scena in quel di Nanchino tra il proprietario della società milanese Zhang Jindong e Piero Ausilio. Quest’ultimo si è recato personalmente in Cina anche per trattare il tema relativo alla propria conferma che rientra nel progetto Suning. Per la nuova Inter saranno investiti la bellezza di 150 milioni di euro, il tutto nel rispetto dei parametri relativi al fair play finanziario. L’obiettivo primario della società è quella di aumentare la qualità della squadra, operando i tutti i reparti dalla difesa all’attacco, in maniera tale da disporre di una rosa che possa tornare a lottare per il titolo in Italia, e (si spera) dire la sua anche in Europa.

Gli obiettivi di mercato, come evidenziato da Mediaset, sono sempre i soliti noti. In primis l’Inter darà l’assalto a due tra i principali talenti italiani, ovvero Berardi e Bernardeschi. Attualmente tra i due quello con più chance di approdo in nerazzurro è senza dubbio il primo, con la Juventus che ha intensificato il pressing sul secondo. Per quanto concerne il reparto difensivo i nomi caldi sono quelli di De Vrij e Manolas e sul loro arrivo filtra un moderato ottimismo negli ambienti vicini all’Inter. Molto più difficile, invece arrivare a Marco Verratti: il centrocampista del Paris Saint Germain rappresenta il sogno proibito di Zhang.

Tutto dipenderà anche dal finale di stagione dei transalpini, con i nerazzurri però che anche in questo caso potrebbero trovarsi a duellare sul mercato con la Juventus, a suon di milioni. I nomi nuovi senza dubbio sono quelli relativi all’esterno dell’Atalanta Conti, protagonista di una stagione eccezionale, e del nuovo gioiellino francese del Monaco Mbappé. Per quanto riguarda il primo potrebbero alimentare un certo ottimismo i rapporti tra le due società molto positivi, soprattutto dopo l’affare Gagliardini.