Alla fine è stato il Real Madrid a riscrivere la storia del calcio europeo. I Blancos di Spagna hanno dominato la finale di Cardiff sulla Juventus che ne è uscita con le ossa rotte e ridimensionata nell'animo e nell'orgoglio. Un 4-1 che non lascia spazio a commenti ulteriori, e che ha il significato di una supremazia in campo da parte del Real manifesta nel gioco, nella testa, nella tecnica. Giustamente da questa sera Zidane, che brinda alla doppietta personale, può considerarsi il giusto condottiero di una squadra epocale, la prima ad aver vinto due volte consecutive la Champions League, tre se si considerano le ultime quattro edizioni.

Un poker che fa storia –  Poteva finire con la Juventus che riscriveva la storia con uno splendido Triplete, campionato – Coppa Italia – Champions League, ma Cardiff ha deciso perché la storia parlasse spagnolo e non italiano. E' stato il Real Madrid a far sua la Champions, con quattro gol, dominando in crescendo al Millennium Stadium, domando le voglie bianconere e punendole con un poker umiliante. In tutto e per tutto, il Real è stato superiore nel gioco, nella mentalità, nella tecnica. Nulla è stato lasciato al caso da parte di Zidane che ha scelto una formazione precisa con opzioni che gli hanno permesso di spaccare in due la difesa più forte del torneo.

Juve a testa china – Non è un caso se oggi la Juventus ha subito 4 gol in 90 minuti, dopo averne subiti meno in tutta la Champions League. Davanti si sono trovati un Cristiano Ronaldo devastante, autore di una doppietta personale in finale, che gli ha permesso anche di essere il primo marcatore in Champions. La Juventus è crollata mentalmente, lasciando fare al Real la partita perfetta e festeggiare la dodicesima Champions League.

Record Real – Per i Blancos c'è anche l'onore di aver vinto per la seconda volta consecutiva la Coppa che da quando si è trasformata dalla Coppa dei campioni alla Champions, nel 1992, impresa che nessun club era mai riuscito a compiere. L'anno scorso a doversi inchinare fu l'Atletico Madrid, quest'anno la Juventus. E se si guarda le ultime quattro edizioni, si nota come il Real abbia dominato la scena in modo quasi monopolistico, con tre vittorie in quattro finali.