Un gol nel primo tempo di Mati Fernandez e la squadra di Vincenzo Montella torna a sorridere. Un buon primo tempo dei rossoneri che gestiscono meglio ritmi e spazi costringendo il Genoa a difendersi ad oltranza. Con la spinta degli esterni Ocampos-Deulofeu e la boa centrale Lapadula il Milan trova l'assetto giusto per andare in vantaggio e reggere il forcing finale dei liguri. Che rimediano un'altra sconfitta e proseguono nel periodo negativo. Per Mandorlini ancora molto lavoro da fare con i tifosi che preparano una nuova contestazione a Preziosi.

Primo tempo.

ko Bertolacci – Inizia malissimo il match di Montella contro il Genoa, con l'infortunio al primo minuto di Bertolacci costretto a lasciare il campo per far posto a Locatelli. Una tegola aggiuntiva per il Milan che vanta già moltissimi assenti e l'inerzia iniziale della partita vede proprio il Genoa più pericoloso rispetto ai padroni di casa. Non è un caso se la prima occasione gol è proprio da parte dei liguri che sfiorano il vantaggio con l'ex di turno, Taarabt. Il Milan si scuote, prende le misure e inizia a macinare palle e chilometri con il Genoa che si richiude nella propria trequarti.

Subito Fernandez – I rossoneri diventano presto i padroni del campo e gestiscono il match: al 17′ è Kucka a provare la via del gol col suo tiro fermato dalla difesa rossoblù. Il Milan è molto più attivo ma le occasioni latitano, mentre in avanti il più ativo è Mati Fernandez mentre Lapadula resta in ombra. Ed è proprio il numero 14 rossonero a trovare il tapin perfetto al 34′ con un pallonetto perfetto che supera inesorabilmente Lamanna per l'1-0, meritato con cui si conclude il primo tempo.

Secondo tempo.

Ritmi bassi – Nel secondo tempo non cambia il copione della gara con il Milan in assoluta amministrazione e il Genoa incapace di reagire. La squadra di Mandorlini non riesce a trovare la via del gol non riuscendo a imbastire alcuna azione pericolosa con i padroni di casa in assoluto controllo del minio vantaggio conquistato nel primo tempo.

Forcing inutile – Il Genoa non ce la fa nel forcing finale con il Milan che regge l'urto e tiene il risultato di 1-0. Montella nei minuti conclusivi cambia anche l'assetto, coprendosi, togliendo dal campo prima il match winner Mati Fernandez e poi Lapadula. Per i liguri niente da fare, ennesima sconfitta lontano da Marassi e per Mandorlini ancora tantissimo da fare.