Chi aveva tirato in ballo l'episodio del gol "fantasma" di Muntari, scommettendo sul fatto che anche del mani di De Sciglio se ne sarebbe parlato per molte settimane, non ha avuto tutti i torti. L'eco del finale tutt'altro che tranquillo dello Stadium non si è infatti ancora spento. Dopo le decisioni del giudice sportivo, che ha fermato il rossonero Bacca e "ammonito" Galliani, sono arrivate anche quelle di Marcello Nicchi, numero uno dell'AIA, e del designatore di Serie A Stefano Messina. Come riferito da Premium, i due hanno infatti giudicato non corretta la decisione di Massa e Doveri di fischiare il rigore alla Juventus al 95esimo dell'infuocata sfida giocata a Torino. Un errore che avrebbe convinto l'Associazione Italiana Arbitri a "punire" i due responsabili, senza però fermarli e lasciarli lontani dai campi di gioco.

L'azione che ha portato alla concessione del rigore per la Juventus contro il Milanin foto: L'azione che ha portato alla concessione del rigore per la Juventus contro il Milan

Un week-end dietro le quinte.

In occasione delle designazioni per la 29esima giornata di campionato, Nicchi e Messina hanno dunque voluto dare un segnale ai due fischietti (e all'intera classe arbitrale) lasciando a Massa e Doveri incarichi "marginali" in questo weekend di calcio. Il primo è stato infatti designato come addizionale per il match tra Cagliari e Lazio. Il secondo, invece, inizialmente selezionato come arbitro di Udinese-Palermo, sarà addizionale anche alla Dacia Arena.

Dopo un'attenta valutazione di ciò che è successo allo "Stadium", Nicchi e Messina avrebbero individuato proprio in Doveri il principale responsabile dell'errore sul mani di De Sciglio. A nulla sarebbero servite le parole di Vincenzo Montella nell'immediato post gara. Il tecnico rossonero, intervistato sull'episodio, dichiarò che ad assegnare il rigore era stato Massa: "Si è preso la responsabilità di dare il rigore ed era a grande distanza – disse l'allenatore milanista – Questo è quello che hanno detto a me".