Alberto Malesani vuole tornare in panchina. Sono tre anni che il tecnico di Verona non è più in trincea e sente la mancanza del campo. La sua ultima esperienza al Sassuolo è durata 5 gare in cui ha collezionato altrettante sconfitte. Adesso l'ex allenatore di Chievo, Hellas, Parma, Fiorentina, Modena, Empoli, Panathinaikos, Genoa e Palermo sta studiando e cerca di rimanere al passo coi tempi

Sto seguendo molto dal punto di vista televisivo un po’ tutto, sono sempre molto aggiornato. Il tappeto verde mi manca, la voglia di tornare c’è – ha affermato ai microfoni di TuttoMercatoWeb – Le mie esperienze Palermo e Sassuolo? In rosanero due settimane di lavoro, tre punti e un esonero. Neroverdi troppo legati a Di Francesco.

L'allenatore veronese ha ammesso di non avere una particolare attenzione nei confronti del campionato italiano: "Guardo calcio internazionale, in Italia quest'anno il campionato non mi soddisfa, molto meglio l'anno scorso".

Malesani spende belle parole per l'Atalanta di Gasperini, squadra che sta dimostrando giornata dopo giornata di valere la classifica che ha

Per i punti che ha fatto si, è una sorpresa. Ma non per il progetto. Quest’anno dal punto di vista dei risultati è la vera sorpresa: bel gioco e grandi soddisfazioni, questa è la prova che quando si lavora bene con costanza, credendoci, riesci ad ottenere grandi risultati.

Un pensiero va alla squadra della sua città a cui è molto legato, sia da tifoso che come professionista

È la squadra del cuore. L'unico buco della mia vita professionale: la retrocessione con la squadra della mia città, poi sono rimasto anche l'anno dopo, abbiamo ricominciato un altro percorso. Quando vedo il Verona soffro sempre.

Infine Alberto Malesani difende Massimiliano Allegri dalle critiche che riceve nonostante riesca sempre a portare risultati a casa mostrando un discreto gioco: "Adoro Allegri, le critiche non hanno senso. Non avrà la maniacalità di Sarri ma è uno che sa interpretare bene la gara. Nella partita singola è uno che fa la differenza".