Non è stato del tutto fortunato Cesare Prandelli. Durante il sorteggio di Euro 2012, Marco Van Basten, straordinario attaccante del Milan a cavallo degli anni ’80 e ’90, non è stato benevolo con gli Azzurri che sfideranno nell’ordine: Spagna, Croazia e Irlanda. L’esordio dell’Italia ci sarà il 10 giugno, probabilmente alle ore 18, contro la Spagna, Campione del Mondo e Campione d’Europa in carica. Nel 2008 gli Azzurri furono eliminati ai calci di rigore proprio dalla Spagna.

L'avversaria che si voleva evitare: la Spagna.

Contro la Spagna, che secondo molti non è solo la squadra più forte del mondo, ma è già una delle più grandi Nazionali di sempre l’Italia inizierà l’europeo. Alla vigilia Vicente Del Bosque aveva detto: ‘voglio evitare i miei amici italiani e portoghesi’. Non è stato accontentato. L’ultimo confronto diretto è recente. La scorsa estate a Bari, vinsero gli Azzurri (2-1). Ma, la Spagna aveva una formazione rimaneggiata. Un successo, comunque, prestigioso. Perché erano diciassette anni che l’Italia non sconfiggeva Casillas e soci. Gli spagnoli ci hanno eliminato nell’ultimo europeo. L’Italia, allenata da Donadoni, con un calcio molto difensivo fu l’unica squadra a non subire gli spagnoli, che s’imposero dal dischetto. Decisivi furono gli errori di Di Natale e De Rossi. Negli ultimi trent’anni la Spagna è stata sconfitta sia ai Mondiali americani, decisivo Roberto Baggio, che a Euro ’88.

Gli Azzurri, che giocheranno in Polonia, esordiranno contro la Spagna, il 10 giugno. Il secondo avversario sarà la Croazia, il 14. Contro l'Irlanda di Trapattoni chiuderemo il girone il 18 giugno

L'Irlanda del Trap non è da sottovalutare.

Un ‘nemico’ inaspettato si troverà Prandelli,nell’ultimo match  il 18 giugno c'è Trapattoni. L’allievo non è mai riuscito a battere il maestro, non lo ha fatto nemmeno nell’amichevole disputata, in Belgio, lo scorso giugno, quando gli irlandesi, 2-0. L’Irlanda, che torna dopo dieci anni in una grande manifestazione, è diventato un avversario indigesto da quando c’è il Trap. Perché nemmeno Lippi, nel girone di Qualificazione ai Mondiali del 2010, riuscì a battere il settantatreenne allenatore di Cusano Milanino. Finì 1-1 a Bari e 2-2 a Dublino. I verdi hanno sfidato l’Italia anche ai Mondiali, in due occasioni. Nel ’90, a Roma, nei quarti decise Totò Schillaci. Quattro anni dopo negli Stati Uniti un gol di Ray Houghton condannò Sacchi.

La Croazia: il vero "nemico" da battere.

Può sembrare un paradosso, ma l’avversario più ostico è la Croazia. La squadra di Bilic, che non si è qualificata per il Mondiale del SudAfrica, ha un conto in sospeso con gli europei. Il 20 giugno 2008 Modric e compagni persero un incredibile match contro la Turchia. Al 118’ segnano i croati. La semifinale sembrava conquistata. Al 121’ i turchi pareggiano. Poi vincono dagli undici metri. La vendetta contro i turchi c’è stata, infatti essi sono stati sconfitti nel playoff per Euro 2012. Anche contro l’Italia i croati hanno un buon record. Un match sovrasta gli altri, quello perso, proprio con il Trap in panchina, per 2-1 nel Mondiale nippo-coreano.