Non bisogna dirlo ad Antonio Conte, ma il Chelsea si avvicina sempre più alla vittoria della Premier League e può, con due mesi d’anticipo sulla fine del campionato, iniziare ad organizzare la festa per il titolo. La vittoria ottenuta per 2-1 in casa dello Stoke City è preziosa per la classifica, ma soprattutto per il modo in cui è arrivata. Perché i ‘Blues’ hanno faticato e non poco contro i ‘Potters’, non hanno brillato, ma grazie ad un infinito carattere sono riusciti nel finale con un gol di capitan Cahill a conquistare tre punti pesantissimi. Tottenham e Manchester City, che giocheranno domani, sono lontane tredici punti.

Pesante successo del Chelsea.

Mark Hughes sa come far soffrire la squadra di Conte, che come all’andata deve faticare per ottenere i tre punti. E pure il match si mette subito bene. Willian al 12’ con una punizione velenosa coglie di sorpresa Grant ed è 1-0. I Potters trovano il pari con Martins Indi, l’olandese festeggia il gol che però poco dopo viene annullato. Il pari comunque è nell’aria ed arriva poco dopo. Cahill spinge Walters, per l’arbitro è rigore. Dal dischetto ci va il brizzolato irlandese che aveva un conto in sospeso con il Chelsea. Quattro anni fa sbagliò due rigori contro i Blues e realizzò anche un’autorete, tutto nella stessa partita. Il tempo spessa aggiusta tutto, anche in questo caso è così. Walters si riscatta, 1-1. Nella ripresa lo Stoke non soffre mai ed ha pure un paio di occasioni buone, ma basta una distrazione nel finale per vanificare la prestazione della squadra di Hughes che capitola all’86’ quando Cahill firma il 2-1 e festeggia sotto lo spicchio dei tifosi del Chelsea.

Con Shakespeare il Leicester vince ancora (4 su 4)

Con Shakespeare in panchina le ‘Foxes’ hanno sempre vinto. Ranieri manca tanto ai tifosi, ma non ai giocatori che hanno cambiato marcia con il nuovo tecnico, che dopo aver battuto Liverpool, Hull City e Siviglia (in Champions) vince 3-2 in casa del West Ham. Nel primo tempo i campioni d’Inghilterra sono carichi a mille e segnano con Mahrez, Huth e Vardy, in mezzo la bella punizione di Lanzini. Nella ripresa Ayew riporta in partita gli ‘Hammers’, ma il Leicester sa soffrire conquista tre punti si porta al 14° posto e allunga sulla terz’ultima. Mazzarri perde il derby con il Palace di Allardyce. Con una doppietta di Lukaku e il gol del giovanissimo Calvert Lewin l’Everton batte l’Hull, scavalca lo United e aggancia l’Arsenal.